CREATIVITÁ e COMMITTENZA

il-tavolo-di-Natale_

IL TAVOLO DI NATALE, boccette di fumo e scatole di pensieri

Mancano poco più di quaranta giorni a Natale, è già ora di pensare ai regali. So che qualcuno li ha già pronti da Ferragosto e tanti altri aspetteranno fino alla vigilia ma questo è il momento giusto per raccontarvi del mio regalo di Natale. Altro che boccette di fumo e scatole di pensieri. Vediamo se […]

Comments
l'importante è finire

L’IMPORTANTE È FINIRE

Quando inizio un disegno so più o meno quello che voglio realizzare ma non so quando finirò. Magari bastano due linee che non avevo previsto e tutto finisce lì, certe volte invece tocca tratteggiare per ore come zappare la terra o mescolare colori e sembra non si finire mai. Quando si finisce un’opera creativa? Non […]

Comments
Regali-per-i-clienti

REGALI PER I CLIENTI, GADGET, OMAGGI…

Anche quest’anno in questo periodo, per fortuna c’è chi lo fa molto prima, eccoci qui a pensare ai regali, ai gadget, a piccoli e grandi doni che ogni anno rivolgiamo ai clienti. Io qui a ripetere le stesse importanti cose di sempre come fosse l’evento del millennio. Chiamiamoli come vogliamo, sono quei gesti che mostrano ai […]

Comments
LE-REGOLE-DEL-BELLO

LE REGOLE DEL BELLO

Mi aveva insegnato a vedere le forme delle cose, a comporre linee e superfici, volumi, colori e forme come fosse un gioco. Mettere insieme tutto facendo nascere emozioni improvvise, veloci straniamenti, sorprese, paesaggi. Le regole del bello erano semplici, in realtà era una sola, togli tutto, cerca la perfezione del nulla. Bastava andare con lui […]

Comments
LA-GENTE-DEL-MIO-LAVORO__x

LA GENTE DEL MIO LAVORO

  Nel mio lavoro mi capita di incontrare gente di ogni tipo. Fotografi bravissimi capaci di farmi vedere cose che non vedevo. Tipografi  e grafici che rimpiangono i vecchi strumenti del mestiere ma poi si aggrappano ai loro Mac come a figli. Imprenditori di ogni genere. A me toccano sempre i più creativi, quelli che […]

Comments
non-cambiare-niente

NON CAMBIARE NIENTE e VIVERE FELICI

Qualche ottimo motivo per non cambiare un bel niente e vivere felici. Perchè struggersi l’anima, il cervello e il portafogli dinanzi all’ineluttabile evidenza che il Logo ha  cinque o sei pantone di troppo, il sito internet non è responsive, lo stand in fiera comunica supercazzole a gogo ma non il marchio,  l’ultimo post sui social […]

Comments
Esporre-senza-emozionare

ESPORRE SENZA EMOZIONARE

Esporre senza emozionare è triste. Dopo un giorno e mezzo in fiera a VicenzaOro esco con la solita sensazione che si sia persa l’occasione per mostrare un po’ di creatività, tirare una pennellata di colore come si deve, sparare una lama di luce, far balenare un richiamo, inventare una presenza, qualcosa da fermare i passi […]

Comments
CORRERE

CORRERE E NON ARRIVARE MAI

Sono già a Natale, anche se non è ancora ferragosto. Disegno packaging di panettoni e sono già in Primavera, al Vinitaly mentre scarabocchio le scatole e la grafica di un nuovo vino. C’è fretta di inventare una serie infinita di cose per celebrare i cinquant’anni d’attività di quell’altra azienda… cinquant’anni che cadranno nel 2022. Una perenne […]

Comments
IMPERFEZIONI

IMPERFEZIONI – “La vita ha più gusto quando la bevi cruda.”

I testi impaginati alla viva il parroco! Pazienza il web, dove il responsive ormai fa quello che vuole, ma la stampa no! Pagine giustificate senza giustificazioni, parole lasciate sole alla fine di un paragrafo, righe abbandonate sulla pagina bianca come spazzatura. Capisco che non è obbligatorio sapere di “vedove” e di “orfane”, vabbè ma basta […]

Comments
la-scena-del-prodotto

LA SCENA DEL PRODOTTO – FOTO, STAND E VETRINE

Ecco qualche idea … e ricordiamoci sempre che tutte le regole sono fatte per essere trasgredite. Pensiamo di essere a teatro, l’ho già detta mille volte ma non mi pare  sia passata ‘sta cosa del teatro. Isoliamo il protagonista La poltrona, il tubo di crema,  la collana, la bottiglia di grappa, la lamiera…  e usiamo […]

Comments
Fotografare-i-prodotti_2

FOTOGRAFARE I PRODOTTI E FARE PAZZIE

  Foto per i social? Per il catalogo? Qualunque cosa produca e venda la nostra azienda bisogna fotografare tutto e poi darci dentro con photoshop. Inventiamoci qualcosa per non fare sempre gli stessi scatti. Cambiamo prospettiva. Dietro, sotto, dentro… quanti sono i lati delle vostre cose che nessuno ha mai visto come sarebbe giusto vedere. Col […]

Comments
SALVE-parole-spazzatura_2

SALVE! PAROLE SPAZZATURA

Salve! Eh! Salve… che saluto viscido! No! Non per la parola che è un bel saluto…  in fondo si augura buona salute… – Salve – mi capita di dirlo troppo spesso, senza pensarci e mi fa schifo. La butto lì col vicino di casa e mi esce  –  Sao –  sì – Sao! – perchè proprio […]

Comments
Il-progetto-dell'identità__2

IL PROGETTO DELL’IDENTITÁ

Ieri ho pubblicato la  frase che mario nanni (con le iniziali minuscole come piace a lui), il progettista, l’inventore di Viabizzuno, l’importante azienda di sistemi di illuminazione, ha posto all’inizio del mattone bianco che è il catalogo delle sue lampade. È un bellissimo oggetto. Mi è capitato in mano e ha acceso una lampadina da […]

Comments
scatole-piene-di-idee__2

IL PACKAGING PER FARSI SCEGLIERE

Per vendere bene il packaging è importante. Quando ci viene l’idea per un nuovo prodotto ce lo vediamo già esposto in vetrina con le luci giuste, i colori perfetti, il suo packaging  che di fatto è il prodotto stesso e cominciamo a pensare… Una forma mai vista. Vogliamo stupire? Siamo sicuri che quello a cui stiamo […]

Comments
idee-da-proteggere_2

IDEE DA COLTIVARE E PROTEGGERE

Stringi, stringi il mio lavoro è trovare l’idea giusta . Idee per dare più visibilità all’azienda, al marchio e al prodotto. L’idea è lì, bella confezionata in due, tre… venti pagine che la spiegano e la raccontano, un’immagine la sintetizza e altre cento la giustificano. Quando il titolare dà l’ok inizia il percorso di guerra e ogni […]

Comments
scegliere_2

SCEGLIERE, AFFERMARE LA PROPRIA IDENTITÁ

Aiuto le Aziende a comunicare. A mostrare nel modo migliore il loro lavoro. Le aiuto a vendere i loro prodotti e se stesse, a mostrare la loro capacità innovativa e la loro organizzazione. Aiuto le Aziende a scegliere. Parola importante SCEGLIERE. Parola che ha a che fare con la propria IDENTITÁ. Scelgo le parole. Quelle che […]

Comments
Tà,-tà,-tà,-l'emozione-della-ripetizione-2

Tà, Tà, Tà… L’emozione della ripetizione

La ripetizione è uno dei gesti creativi più semplici e sorprendenti. La musica non è fatta di continue ripetizioni? A volte di variazioni minime. Un semplice gesto se moltiplicato diventa danza, corsa, lavoro, teatro… Un pasticcino è goloso. Un grande vassoio di macaron colorati ci ipnotizzano senza scampo. Un bricco di plastica rosso è un pezzo di plastica. Cento […]

Comments
Le-misure-della-creatività_2

LE MISURE DELLA CREATIVITÁ

  Gli spazi della creatività hanno misure che cambiano tutto. Un foglio A4, come quello della fotocopiatrice, è uno spazio che abbiamo per le mani tutti i giorni e perciò risulta banale. Se lo dividiamo a metà potrà continuare ad essere una cosa vista e rivista oppure sorprenderci. Ci sono infiniti modi di dividere a […]

Comments
meglio-cambiare-2

MEGLIO CAMBIARE CHE CANCELLARE TUTTO

  Meglio cambiare! Cancellare tutto non è un atto creativo. Sbagliare invece molto spesso lo è. Quando tiro una riga che non funziona non la cancello. Ne tiro un’altra e magari tante altre che insieme danno senso a quella prima riga. Se una foto non va bene non la butto. Ne scatto altre che partono proprio […]

Comments
W-la-libertà-2

W LA LIBERTÁ di essere creativi

  Prendo spunto dalla diatriba  di questi giorni tra Messner e ‪Jovanotti per dire qualcosa sui limiti da porre alla creatività, all’inventiva, all’innovazione e perché no, alla bellezza. Per chi non sapesse, Messner ha dichiarato che se fosse per lui, il concerto del Jova a Plan de Corones, a 2275 metri di altezza nel cuore delle Dolomiti, […]

Comments
creativita

 

Spesso chi cerca creatività non sa bene cosa cerca, non ha un’idea chiara di cosa sia la creatività e a cosa serva.

Capita che il committente scarichi tutta la responsabilità del fallimento sui creativi di turno, rei di non aver capito e di non essersi fatti capire.
Il recente exploit della ministra Lorenzin per il Fertility Day ne è un esempio lampante.
Dopo una campagna di comunicazione indegna, di fronte alle generali rimostranze, la Lorenzin prima licenzia il direttore della comunicazione del Ministero e poi, intervistata in TV butta lì la richiesta ai creativi che la criticano – se son così bravi –  di farsi avanti a far proposte…
Gratis! Ovviamente.

Tante volte il lavoro creativo viene visto come un’attività per fuoriditesta, o quando va bene per farfalloni provocatori che spesso amano vestirsi da cretini e passare il tempo divertendosi a spararle grosse. Gente che vive d’aria e si diverte così tanto che sembra davvero troppo doverla anche pagare!Invece dovrebbe essere chiaro che la creatività è un lavoro, non c’entrano genialate un tanto al chilo o invenzioni strane. La creativitá è fatta da vocazione, talento, professionalità, ricerca, studio, sperimentazione ed è una cosa utile, che serve…
Sì, serve! Non esiste la creatività inutile.
Serve per creare bellezza e non c’è cosa più utile della bellezza. Non tanto per dire. La bellezza, le cose belle, una comunicazione “bella”, sono tutte cose che fanno vendere… oltre che a rendere piacevole la vita.
Serve per fare innovazione, quella cosa che ci fa andare avanti e ci fa emozionare. Siamo tutti attratti dal nuovo.
Serve per comunicare in modo efficace e tutti sappiamo quanto sia importante far arrivare il messaggio giusto al nostro pubblico.

La creatività è un lavoro serio che va pagato, per quanto sia cara costerà sempre meno degli spazi e dei tempi necessari per produrla e trasmetterla: costi di produzione, di commercializzazione, di stampa, pagine di giornali, spazi televisivi… Il successo o il fallimento di un prodotto o di una campagna di comunicazione lo fa prima di tutto la creatività.

Il committente, gli imprenditori o gli amministratori pubblici che cercano e chiedono creatività devono essere all’altezza di quello che vogliono. È il committente che deve definire gli obiettivi e scegliere i creativi con cui lavorare. È Lui che alla fine riconosce la qualità del progetto creativo, dà l’OK e lo mette in produzione.
La responsabilità di un bel progetto di design o di una buona comunicazione è sempre divisibile a metà tra il committente e i creativi che a scelto.

Mi piace lavorare quando c’è affinità, quando è facile capirsi, quando è ben chiaro a tutti dove si vuole arrivare, quando si ha l’umiltà di condividere la strada e la capacità di percorrerla insieme.