Articoli

FOTOGRAFARE

FOTOGRAFARE LE OMBRE E LE LINEE DEI NOSTRI PRODOTTI

FOTOGRAFARE

 

Fotografare un oggetto è come dargli vita.
Sia una sedia, un anello con diamanti, una bottiglia di grappa o una giacca di finta pelle rosa, i prodotti del nostro lavoro non esistono fino a quando non vengono immortalati dalla macchina fotografica per moltiplicarsi all’infinito nel web e sulla carta stampata.

Ecco qualche idea su cose da fare e da evitare fotografando. Cose che converrebbe seguire… ma non sempre. 

AMBIENTARE, ABBINARE, ACC…
Fotografare una poltrona su di uno sfondo bianco o nel salone di una villa? In mezzo ad un prato o su una spiaggia? Vuota o con qualcuno spaparanzato sopra? Ovviamente dipende da cosa vogliamo comunicare. Resto sempre dell’idea che meno roba c’è intorno e prima si capisce chi è il protagonista.

OMBRE LUNGHE
Il disegno che tracciano gli oggetti con le loro ombre è spesso più bello degli oggetti stessi. Ombre lunghe e scure, grandi o sottili, nette o sfumate, linee diritte e curve sensuali.
L’oggetto protrebbe quasi sparire e lasciare che sia la sua ombra a parlare di lui.

ASIMMETRIE OBBLIGATORIE 
Gli oggetti devono provare a scappare dall’inquadratura, altrimenti,  se stanno lì al centro fermi come allocchi sembrano morti… Mezzi fuori e mezzi dentro sono perfetti!

MOSTRARE IL LATO OSCURO
C’è sempre un lato che non mostriamo mai. Un retro, un aspetto che riteniamo non debba interessare a nessuno. È proprio quello che potrebbe sorprendere.

FACCIAMOLI A PEZZI
Dettagli, dettagli, dettagli…
Bello il divano, ma la cucitura o il piedino potrebbero fare la differenza
Uno spigolo, un bottone, un bullone, una lamiera acidata… diamanti bianchissimi, il segno di un’imperfezione, di un materiale caldo, un tappo, una maniglia, una scatola…
Dettagli da inquadrare e mettere a fuoco con precisione chirurgica.

FOTOGRAFARE IL PRODOTTO
è un po’ come inventarlo un’altra volta.
Proporlo esattamente com’è e come non lo vedremo mai.
Come lo faremo ricordare sempre.

FA-SUCCEDERE-QUALCOSA

FA’ SUCCEDERE QUALCOSA

FA-SUCCEDERE-QUALCOSA
Fa’ succedere qualcosa.
Trova un prato in un bel posto.
Una piazza.
Una spiaggia.
Un parcheggio sempre vuoto di un’area industriale.
Fissa un appuntamento.
Usa tutta la fantasia che ti circonda e spendi meno soldi che puoi.
Non badare a risparmiare.
Cerca un coro di bambini.
Fa’ un po’ di musica.
Abbraccia e ridi.
Accendi un fuoco e canta.

Offri qualcosa di buono e di caldo da bere.
Fatti duemila selfie con tutti.
Non aspettarti niente.
Invita a prendere dalla festa un ricordo.
Collegati su un grande schermo con chi è lontano.
Manda un pezzetto di festa a chi non è potuto venire.
Inventa un  regalo da fare tutti insieme ai bambini che cantano.
Qualcosa che si ricorderanno.
Inventa un gioco e un ballo,
Aspetta la sera, l’alba, la neve.
Ascolta il silenzio, il vento, la pioggia, le chiacchiere e i sorrisi.

Mancano meno di due mesi a Natale e se hai deciso di regalare qualcosa ai tuoi clienti fa’ in  fretta.
È già tardi.
Scegli, acquista, confeziona e spedisci.

Oppure fatti venire un’altra idea.

SCRIVERE

SCRIVERE L’AZIENDA

 

SCRIVERE

 

È importante raccontare la propria attività. Soprattutto oggi, in internet non possiamo farne a meno.

Scrivere è il mio lavoro.

Scrivo per me e per aziende molto diverse tra loro: produttori di gioielleria, aziende agricole, produttori e rivenditori di mobili e oggetti di arredamento, concerie e aziende che lavorano il ferro e la plastica, Enti che offrono servizi…
Non mi pongo limiti settoriali.
Abbiamo tutti bisogno di creatività!
Racconto le aziende e la loro creatività.

Inviare NEWSLETTER come questa è uno dei modi più efficaci per farsi conoscere e per far capire cosa facciamo.
Qualche consiglio per raccontare bene la nostra azienda:

– Semplicità
La regola fondamentale è sempre quella: usare un linguaggio semplice e quanto più personale possibile.

– Senza banalità
Se vendiamo gioielli o vino o qualsiasi altra cosa, sará utile non parlare sempre e solo di quanto sono belli e buoni i nostri prodotti. L’oste dirá sempre che il suo vino è buono.
Diamo qualche consiglio mettendo a disposizione quello che sappiamo e che crediamo utile.
Manteniamo un tono leggero, spiritoso, se ne siamo capaci, evitando la sicumera del “so tutto mi”.

– Con che frequenza?
Non esiste una regola!
Se scriviamo cose interessanti, scritte bene e le inviamo al pubblico giusto, possiamo farci trovare nella posta anche due volte al giorno. Se inviamo scemenze presuntuose e scritte male anche una volta al mese sarà di troppo.

– La lunghezza dei testi.
Come sopra! Fatto salvo uno standard orientativo di 300 parole, se scrivo cose interessanti potró dilungarmi,  altrimenti  una riga sarà già troppo.

– Con personalità
Mettiamoci in gioco, tiriamo fuori la farina dal nostro sacco e mostriamo chi siamo e cosa pensiamo.

Genuinità e verità pagano sempre.

Chi-sono

Chi sono?

Chi-sono

 

Chi sono?!
A volte mi vengono dei seri dubbi che la gente sappia rispondere ad una domanda così semplice.
Quando do un’occhiata al sito di un’azienda, a quello di qualche professionista o al sito di una qualsiasi società di servizi, la prima cosa che vado a vedere è… Chi sono.
La fregatura é che la maggior parte delle volte quando clicco sul pulsante del menù principale – Chi sono – o – About – o – Chi siamo – trovo un’altra cosa. Trovo quello che la gente fa. Come se avessi cliccato il pulsante cosa faccio, cosa facciamo. In realtà la maggior parte delle volte lo so già benissimo cosa si fa in quel sito. Perché se sto navigando un sito di giardinaggio so che probabilmente il titolare farà il giardiniere, se guardo un sito di consulenze so di sicuro che i titolari fanno i consulenti. Insomma so sempre cosa si fa sui siti che vedo. Il più delle volte invece è difficile sapere chi sono le persone che svolgono quelle attività.
È un peccato perché a me interessa molto chi sono, il più delle volte mi interessa più di quello che fanno. Credo che tantissima gente voglia sapere con chi ha a che fare. Penso ci siano infiniti modi per dirlo, per presentarsi, mostrando tanto o poco di sé, dicendo cose apparentemente futili o fatti essenziali, l’importante secondo me è provarci.  Mettere una foto, dire quello che ci piace, svelare un sogno… cose semplici, senza preoccuparsi troppo. É come allungare una mano e dire – Piacere, eccomi! –
Io ci ho provato, magari non dicendo tutto quello che il visitatore del mio sito vorrebbe sapere, però ho messo lì quello che sono, forse quello che ero. Adesso dovrei già cambiare, aggiungere, togliere.
Ho raccontato i miei gusti e siccome i gusti cambiano sarebbe ora di aggiornarli. Sarebbe ora di cambiare la foto, che non può rimanere come un’icona quella per sempre. Il nostro sito internet dovrà avere certamente un aspetto più istituzionale dei profili social su cui pubblichiamo il nostro quotidiano ma sarà meglio evitare il deposito della polvere.
È Pasqua, è iniziata una nuova stagione e forse è il momento di dare una bella rassettata anche al nostro sito.
Se serve una mano sono qua!

Ha-ancora-senso

ha ancora senso?

Ha-ancora-senso

Mi hanno appena dato due  bellissimi biglietti da visita. Di quelli importanti, si vede dalla carta, dal nome, da tutto, ma…
Ha ancora senso?
Intendo… scegliere un cartoncino bello, di qualità, impaginato e stampato da Dio che il nostro interlocutore depositerà direttamente tra la carta riciclabile appena ci saremo girati.
Non abbiamo neanche il rituale giapponese della presentazione a due mani che dal cuore si aprono a vassoio, gesto sottolineato da un impercettibile inchino. Ci scambiamo i riferimenti necessari alle nostre relazioni d’affari come non ce ne fregasse niente.
I biglietti da visita non ci servono neanche come pretesto per marcare con un gesto l’inizio di una relazione.
Ha ancora senso?
Appena arriva una email da uno sconosciuto google o chi per esso lo cataloga tra i nostri contatti in bell’ordine a disposizione sul nostro smartphone, sul tablet e su un paio di nuvolette digitali raggiungibili anche da un’isoletta sperduta.
Ha ancora senso stampare quintali di cataloghi dalle copertine di seta che inevitabilmente  in percentuali altissime andranno al macero?
Non fraintendetemi, mi piace la carta stampata, ho speso un sacco di soldi in libri, le tipografie, le librerie sono posti bellissimi. Ma è una battaglia persa, potremo provare a boicottare tutta la produzione e la distribuzione di testi in formato digitale ma saremo spazzati via come nuovi ridicoli luddisti.
Io ho già tradito, ho saltato la barricata da un pezzo. Compro ancora di nascosto qualche libro fatto di carta solo per mantenere il vizio, per riprodurre un piacere imparato da bambino. I nostri figli saranno gli ultimi e poi basta.
Le biblioteche resisteranno ancora un po’ poi tutto si scioglierà come tavolette di cera.
Solo le parole. I pensieri, le storie non finiranno mai, si moltiplicheranno all’infinito, e avranno sempre bisogno di una forma, una composizione, un ritmo. La grafica digitale ha altre leggi, altre frontiere, infiniti mezzi di diffusione che un po’ alla volta ci conquisteranno diventando abituali.
Nel frattempo godiamoci il fantastico tramonto dell’era della carta stampata. Scegliamo carte meravigliose, innalziamo monumenti a Fedrigoni… Stampiamo biglietti da visita dello spessore di un tramezzo e cataloghi mescolando tutte le carte del mondo.
Vi chiedo solo una cosa, facciamola finita subito con i fax!

tutti-su-whatsapp

tutti su whatsapp

tutti-su-whatsappOre 22,18 di un martedì qualsiasi. Ho finito da poco di correre e sto cenando. Il cellulare vibra mandando in risonanza il tavolino vicino alla TV. Me ne frego e lo lascio vibrare. Due ore dopo ripongo il libro sul comodino e faccio per mettere la sveglia alle sei e mezza ma quando lo schermo si illumina mi sorprende la preview di un messaggio su WhatsApp – Ciao Paolo, ecco l’immagine per la copertina del depliant, ci sentiamo domani. –

È una cliente di lungo corso, ci conosciamo da anni. Guardo l’immagine distrattamente, tanto so già che all’indomani, in ufficio dovrò chiederle di rispedirmela in un formato adatto alla stampa. Non rispondo, sto per chiudere e scorro la timeline… mi vengono un sacco di pensieri strani, resto in bilico tra la risata e il brivido. Vedo il messaggio con la faccina della mia cliente mescolato a quelli della mia compagna, dei miei figli, degli amici delle corse in montagna, del gruppo sul design di qua e della fotografia di là… in mezzo ai messaggi con la lista della spesa, ai cuoricini e alle faccine… Ho un giramento pensando alle infinite possibilità di errore che potrebbero capitare inviando messaggi al volo, perchè il mezzo è veloce e i messaggi scappano come sternuti, altro che piccioni viaggiatori. Mi torna in mente l’errore tragicomico della buonanotte decisamente troppo romantica inviata al gruppo delle corse invece che alla mia dolce metà. Mancherebbe solo di inviare bacini a qualche cliente. Magari a quel rude produttore di marmi. Usare whatsapp per lavoro rischia di esporci a figure barbine. Ma tutto deve essere fatto in fretta, in contemporanea con tutti… Scorro la timeline e mi viene la tentazione di sollecitare quello e chiedere a quell’altro… La mia cliente è ancora on-line, come se aspettasse una risposta… Notte!

www-sito-wow

WWW.SITO.WOW

www-sito-wow

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Navigando in Internet a caso mi capita spesso di inciampare, anche senza StumbleUpon, in siti aziendali di ogni specie… abbaglianti, bellissimi, interessanti, brutti, noiosi, dalla grafica antidiluviana, labirintici, che mi chiedono di scaricare Flash, che mi aprono subito un bel pop–up e quelli che sempre più spesso si propongono di risolvere tutti i problemi della mia vita e avanzano il loro aiuto  con una certa aggressività, come se io potessi mai avere dei dubbi sull’efficacia immediata dei mezzi che mi offrono a fronte di una modica spesa.
Ma lasciamo perdere le divagazioni e torniamo ai siti che mi stupiscono.

Resto di stucco quando, navigando siti dalla grafica curata,  finisco a scorrere le news e scopro che la più recente risale al settembre del 2010. Mi informa che l’azienda sarà presente a una fiera internazionale di lì a quindici giorni. Appena sotto la news precedente mi dice che anche nel 2009 era successa la stessa cosa… 

Mi sorprendono i siti che preventivamente aprono una pagina di benvenuto con un’animazione fantastica e mi chiedono di scegliere la lingua che più mi aggrada tra le cinque o sei a disposizione. La cosa che mi sorprende di più è l’icona che prima di ogni altra cosa mi chiede di scaricare Flash Player per poter accedere alla splendida animazione di cui si parlava prima. Tutti i dispositivi Apple non vedono Flash perché tra le altre cose dicono… “Avere Flash Player installato è un invito ad entrare rivolto ai malviventi di tutto il mondo.”

Mi lasciano così… così… quei siti che al pulsante CHI SIAMO mi raccontano un sacco di cose tranne… CHI SIAMO.
Poi ci sono siti dai testi copia incolla, dai testi buttati lì, pieni di errori, dai testi che se non c’erano i testi era meglio. Internet e google in particolare amano le cose scritte in modo comprensibile e non copiaincollate.
Una parte del mio lavoro consiste nello scrivere per il web… se serve son qua!

Un sacco di aziende hanno siti realizzati agli albori di questo millennio, intendo molto prima del 2010. Se da una parte è un bel modo per dire – noi siamo stati i primi –  ora questi siti non danno un’immagine particolarmente innovativa dell’azienda e soprattutto non sono molto funzionali.
Rispetto a vent’anni fa realizzare un sito costa dieci volte di meno però guarderei ancora con sospetto a chi butta là offerte 3×1, sconti 70% o… incredibili TUTTO GRATIS. In genere davanti a queste cose mi vien sempre da chiedermi – dov’è il trucco? – Poi mi capita di guardarci dentro e capisco.

È-SEMPRE-la-FESTA-della-DONNA_

UN OTTO MARZO INFINITO

L’otto Marzo dovrebbe essere tutti i giorni!
Se sei d’accordo condividi la cartolina qui sotto… 

È-SEMPRE-la-FESTA-della-DONNA_

 

Perchè è sempre LA FESTA DELLA DONNA!

 

amour-san-valentino

COMUNICARE SAN VALENTINO

amour-san-valentino

 

Tra due settimane esatte è San Valentino. Approfittiamo di questo evento per dare visibilità al nostro marchio e vendere i nostri prodotti.

Come approfittare dell’occasione per pubblicizzare sui social i nostri articoli supersanvalentinosi?
Che tono usare?
Che immagini postare?

La regola dovrebbe essere: sparigliare le carte, introdurre sorprese, far sobbalzare chi si aspetta sempre i soliti cuoricini rosa. Ci sono tanti modi diversi di farlo, di sorprendere ed emozionare… e poi ci sono anche tanti modi diversi di star dentro la tradizione usando i simboli dell’amore in modo meno mieloso e scrivendo cose interessanti con il tono adatto alla nostra azienda.

Ognuno sceglierà il modo più appropriato per dire Buon San Valentino… ma se per caso avete pensato al sesso…
Si può essere piccanti in tanti modi e ognuno troverà quello più adatto.

Non tutti hanno la fortuna di essere Chupa Chups, l’azienda spagnola di lecca lecca che l’anno scorso ha avuto gioco facile all’insegna di un imperativo  “ A San Valentino si Chupa!”
Anche noi però che produciamo e vendiamo oggetti forse meno intriganti sul versante dell’eros, abbiamo le nostre frecce da giocare.

Per il mondo dell’arredo va bene tutto, meglio quelli che hanno in catalogo un divanetto d’amore (scomodissimo!),
letti a baldacchino o fantastici, sciabordanti letti ad acqua dove il motto verdoniano “famolo strano” potrà alternarsi a qualche verso rubato alle poesie proibite di Catullo. Il poeta latino sarà più elegante ma decisamente più scabroso.

Il mondo dei gioielli deve gran parte della sua fortuna a cupido ed eros. Le immagini saranno un tripudio di forme morbide e tagli appena oltre il consentito. Collane lunghissime, scollature, labbra e mani bramose non soltanto di diamanti. A commento la solita Anaïs Nin del “Delta di Venere” tutta perle, labbra e…
Ninnoli e oggetti dalle forme quasi esplicite riempiono senza che ce ne siamo mai accorti le nostre collezioni. Fotografiamoli da vicino approfittando della curva di una spalla, di un seno, di un’anca… e accompagnamoli con la descrizione minuziosa della lucentezza sensuale della loro superficie.

L’erotismo è una fetta importante dell’amore.
Conosciamo tutti il limite oltre il quale il nostro target non gradisce più.
Alla provocazione patinata potremmo sostituire ironia e humor che riescono bene a sdrammatizzare la potenza del sesso trasformandola in energia liberatoria, sorrisi e risate di cui è fatto l’amore al pari delle ombre scure del desiderio.
Anziché Valentina di Crepax, già diventata testimonial dell’intimo più audace, useremo un repertorio da “I dolori del giovane Walter” alla Luciana Littizzetto, dove la Jolanda ha il suo bel da fare.
Perché non dare il via ad un bel conto alla rovescia da qui al 14 febbraio parafrasando ogni giorno un’estemporanea performance da Kamasutra?!

Basta un po’ di fantasia, saper dosare gli ingredienti senza calcare troppo la mano e forse riusciremo a  trovare un po’ di visibilità anche a San Valentino evitando di finire nella sterminata foresta di cuoricini rosa dove tutto si assomiglia.

Ogni occasione è buona per dare risalto al nostro  marchio e ai nostri prodotti in internet, sui social, e nel mondo vero, quello fatto di abbracci, spritz, corse e birrette in compagnia. Qualcuna si confà di più alla nostra attività, qualche altra meno.
Approfittiamone in modo intelligente.

ispirazione-social

Pinterest, ispirazione social

ispirazione-social

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È capitato a tutti di rimanere a corto di ispirazione.
Quante volte ci è capitato di girare e rigirare tra le mani i pezzi delle nostre collezioni in cerca di un’idea per creare una linea nuova o semplicemente per  rinfrescare il campionario. Fermo restando che qualsiasi cosa può darci la scossa e mettere in moto la fantasia, forme di oggetti d’uso quotidiano, sculture, musica, cinema, riviste, romanzi, architetture, forme della natura e gli infiniti cortocircuiti che tra questi si innescano, da anni ormai, oltre alle tradizionali fonti,  è possibile attingere spunti creativi dall’infinito, magmatico serbatoio dei social network. Tra questi Pinterest è il posto migliore per fare scoperte sorprendenti, per vagabondare sulle onde di emozionanti suggestioni o per fare ricerche mirate. Ognuno può usare questo mondo infinito di immagini come preferisce.

–  Fare ricerche per  trovare forme ispiratrici per esempio usando parole chiave come “ oval jewels” o “round chairs” o ancora “giacche lunghe”, “scarpe a punta” o “fioriere rotonde”… ovviamente l’uso di keywords in inglese ampierà di molto i risultati della ricerca.

–  Cercare materiali inusuali, tipi di carta o di pietra o legno…

–  Catalogare le proprie ricerche in bacheche che sintetizzano le idee creative dividendole per settori di applicazione come design, grafica, architetture, arredamenti… o in modo molto più personale ed evocativo.

–  Condividere idee e ricerche con amici, collaboratori e clienti, decidendo di volta in volta chi potrà vedere i vostri pin.

In Pinterest le immagini congelano le idee  e quando le mettiamo in una bacheca facciamo un po’ come con le provviste che finiscono nel freezer. A tempo debito potranno essere scongelate, tornare vive e rendere fecondo un nuovo progetto.
Milioni di persone usano Pinterest con gli scopi più diversi, tantissimi per cercare ispirazione, è fantastico come le ricerche di tutti formino uno sterminato abaco di strumenti creativi.

RACCONTARE-LA-VERITÁ-E-VENDERE_296

RACCONTARE LA VERITÁ e VENDERE

RACCONTARE-LA-VERITÁ-E-VENDERE_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’altro giorno discutevo con un cliente dei vantaggi di raccontare il suo lavoro mettendo in luce anche i lati meno appariscenti della sua attività.  Mettiti in gioco –  gli dicevo  –  parla di te, di come sei arrivato a fare questo lavoro, delle persone che ti circondano e che formano la rete di relazioni della tua azienda.
Parla della magia, dell’emozione di veder nascere le tue creazioni mettendo insieme la forza della natura e le competenze di così  tante persone.
Lui mi guardava, annuiva, approvava, ne parlavamo da un sacco di tempo, ma era percepibile in modo quasi fisico la sua ritrosia a mettere in piazza l’anima della sua azienda, la sua anima.
Per raccontarsi, fare storytelling, occorre mettere in gioco una quantità di energie infinitamente più grande di quello che occorreva per fare la cara vecchia pubblicità. Che non è morta eh!  Può servire ancora sparare uno slogan, mettere una bella foto e comprare un po’ di spazi dove pubblicarli, ma non basta più. In fin dei conti non è mai bastato. Quelli come me che si ricordano di Carosello hanno ben presente di cosa voglia dire raccontare una storia, far nascere un’emozione, far ridere e far piangere.
Raccontare del proprio lavoro, i progetti, la ricerca, i materiali, la produzione, le litigate, l’amore… che stanno dietro a una sedia, un gioiello, una bottiglia di vino… può essere fatto in migliaia di modi diversi. Mettendoci la faccia e parlando dei propri sogni, della propria famiglia, dei calli sulle mani, oppure inventando un simpatico personaggio protagonista di episodi illuminanti. Oppure tutte e due le cose messe insieme. Facendo parlare il nostro prodotto più loquace, oppure…
Quante scelte da fare!
Quasi, quasi mi ritrovo a raccontare delle cose che mi tocca scegliere ogni minuto, le parole, i materiali, i colori, le forme, il tono. Scegliere la carta e quel font, scegliere la foto, tagliarla, impaginarla, provare, fare un modellino, discutere e ridiscutere… buttare via tutto e mandare tutti a quel paese per ricominciare a scegliere.

Raccontarsi serve ad avvicinarci al nostro pubblico, ai nostri clienti, a far cadere le barriere, a far crescere la fiducia, a rendere duraturi i rapporti. Serve a mostrare i nostri prodotti attraverso il velo magico delle emozioni, serve a vestirli della nostra creatività, della nostra fatica, del nostro cuore… e serve a venderli.

Raccontiamo la verità! Vestiamola come vogliamo ma che sia la verità.
Al tempo del web, di Facebook, di Instagram, dei blog e delle newsletter c’è una sola cosa capace di distruggere tutti i nostri racconti e di trasformare lo storytelling in un boomerang, quella falsità che si percepisce immediatamente così  fastidiosa com’è… come una manciata di sabbia nelle mutande.

PAROLE-E-IMMAGINI_296

PAROLE E IMMAGINI

PAROLE-E-IMMAGINI_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parole e immagini sono sempre state il centro della comunicazione.
Dalla santa inquisizione alla pop-art l’immagine ha sempre trovato nella parola scritta una fedele alleata e viceversa.
Mai come oggi però hanno formato un connubio inscindibile.
Sto scrivendo queste poche righe e giá sto pensando a quale immagine potrá illustrarle meglio. Penso ad un post su Facebook e non riesco ad immaginare la mia foto o il mio video senza due righe di commento o una didascalia lapidaria. Tutto contrassegnato dall’hashtag giusto, ancora parole, parole che etichettano ed è fondamentale trovare quelle giuste, inventarsele se necessario.

Fino a qualche anno fa era importante giocare bene il connubio tra parole e immagini per comunicare l’azienda sui grandi poster autostradali e sui paginoni dei quotidiani e c’era il tempo per scegliere lo sfondo, le parole, il carattere con cui scriverle, la grafica che faceva risaltare tutto. Oggi  é mille volte più importante comunicare la propria attivitá, scegliere parole e immagini, e tocca farlo dieci, venti volte al giorno spesso senza nemmeno il tempo per capire l’effetto che farà. A volte non ci accorgiamo nemmeno di farlo!
Rispondiamo ad una mail, due righe e alleghiamo una foto per farci capire e non stiamo lì a pensare al tono che abbiamo usato, se l’immagine era quella giusta davvero o  si poteva fare meglio. Ma nessuna paura… Non abbiamo neanche il tempo di sentire il fruscio della mail che sfreccia che siamo giá pronti a rifarci scegliendo un’immagine da postare su Instagram – il re dei social oggi – decidere se aggiuncerci un filtro o postarla così… nature, scriverci due cose e aggiungerci una fila di hashtag che non finisce più. Su Facebook lo scritto diventa piú lungo e la foto deve fare lei stavolta il commento e…  possiamo anche dimenticarci degli hashtag. Un Tweet non lo vogliamo fare di corsa? Certo è complicato! Ci vuole un sacco di tempo ad essere così brevi. Concentrare tutto in 140 caratteri dando la sensazione che se avessimo avuto più spazio allora sì che sareste rimasti lì incollati a leggere… Intanto scriviamo la battuta fulminante o il commento appropriato lasciando al link sotto tutto il lavoro sporco. E anche qui una fotina piccina non ce la mettiamo?
Fatto tutto  ripensiamo alla newsletter che abbiamo inviato ai nostri cari settemila lettori. Riguardiamo la grafica, la copertina, il titolo, ci perdiamo a rileggerla. Quasi ci vengono i lucciconi per come siamo stati bravi e invece manca mezzo paragrafo alla fine che becchiamo due strafalcioni. Non li avevamo visti prima e adesso non si possono più correggere.
Dura curare la propria immagine senza sbavature. Ma non facciamoci troppi problemi, tra dieci minuti avremo giá modo di rifarci, altre parole e immagini da scegliere, da scrivere, da scattare.
Una bella foto, due parole giuste e il gioco è fatto!
O no?!

NB. Ne sapete di certo mille più di me, ma ci fosse anche uno solo con qualche dubbio, qualcuno come me insomma, visto che io di dubbi ne ho a milioni… Ecco! Chiariamo cos’è ‘sto hashtag.
L’hashtag è una parola anticipata dal carattere cancelletto, tipo #instagram, per fare un esempio banale, o #selfie per dirne uno che abbiamo usato tutti. L’hashtag serve per contrassegnare un post, in particolare su Instagram e su Twitter ma un po’ dappertutto ormai.
Così facendo, usando gli Hashtag più diffusi nei social o inventandosene di nuovi, cerchiamo di ottenere un po’ di visibilità, cuoricini su instagram, retweet e tante condivisioni in più.
L’importante è scegliere quelli giusti.

Fin qui parole e immagini per interagire e cercare di creare una propria immagine, un’identità riconoscibile.
Essere social davvero è tutta un’altra cosa.

Leggi anche
SCRIVERE PER IL WEB

design-e-comunicazione_296

DESIGN E COMUNICAZIONE

design-e-comunicazione_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Design e comunicazione dovrebbero andare a braccetto!

Sembrerà lapalissiano ma è molto più facile comunicare un oggetto con un progetto interessante alle spalle, ricco di contenuti,  magari sviluppato pensando che poi quel affare lì dovrà essere descritto, fotografato… che parlare, scrivere, fotografare, filmare un oggetto buttato là, nato da un progetto raffazzonato senza alcuna consapevolezza che poi dovrà essere comunicato.

Meglio progettare pensando già a dare visibilità ai punti forti del progetto. Va da sé che quello che stiamo progettando dovrà avere elementi di forte differenziazione, qualità evidenti, caratteristiche importanti su cui lavorare con la consapevolezza che quelli saranno i temi che useremo per dare risalto al nostro oggetto disegnandone il packaging, gli espositori, scrivendone, fotografandolo e descrivendolo in tutte le occasioni e su tutti i mezzi di comunicazione.

La funzionalità e l’ergonomia saranno importanti, ma dovranno balzare agli occhi. Il colore e la forma saranno gli elementi che la fotografia potrà usare con maggiore efficacia se avranno elementi di originalità evidenti. I materiali, i processi produttivi, il ciclo vitale dell’oggetto con le sue caratteristiche di sostenibilità, la sua utilità o forse la sua “inutile” bellezza… sono solo alcuni degli infiniti elementi che possono trasformare un oggetto in un vero e proprio mezzo di comunicazione per sorreggere la propria capacità di vendita e il successo dell’azienda che l’ha prodotto.

Perché tutto ciò avvenga occorre una scintilla, un’idea che caratterizzi l’oggetto in questione, che lo renda quanto più possibile unico nel panorama del suo mercato.

Qualche esempio in cui design e comunicazione hanno formato una accoppiata vincente?

SACCO, la poltrona di Zanotta disegnata da Gatti, Paolini e Teodoro nel 1968, un oggetto diventato protagonista di film e romanzi. Un’idea, un progetto così ricco di contenuti da continuare a produrre significati diversi in tutti questi quarant’anni.

La lampada ARCO, disegnata da Achille e Piergiacomo Castiglioni per Flos nel 1962, mette insieme materiali lussuosi, una forma elegantissima e soluzioni funzionali di dettaglio perfette. Un progetto rivolto ad  illuminare con poetica precisione. Certo!  Ma soprattutto “illuminato” dall’idea geniale di eliminare il vincolo dell’ ancoraggio al soffitto, tradizionalmente al centro della stanza, con la possibilità di spostare la lampada liberamente.
ARCO è ancora un punto di riferimento per il mercato dell’illuminazione.

Potremmo scriverne una lista infinita di oggetti, più o meno belli, più o meno funzionali e utili, tutti con quel quid che li ha trasformati in totem comunicanti. Oggetti che spesso hanno dato vita a un vortice creativo di continui rimandi tra design e comunicazione col risultato di moltiplicarsi in nuovi oggetti e nuovi messaggi.

Visto che viviamo in un mondo superaffollato di parole scritte, parlate, urlate, fotografie e immagini in movimento, riviste, libri, film, e il mare magnum dei Social Network che come una spugna assorbe tutto e lo moltiplica all’infinito, dovremo provare a dotare i prodotti che vogliamo vendere di una personalità che si possa comunicare senza dover ricorrere alla solita aria fritta!  

Pensiamoci mentre progettiamo.
Il primo strumento di comunicazione di un’azienda sono i suoi prodotti.

IL-MEZZO-MIGLIORE-PER-COMUNICARE_296

QUAL È IL MEZZO MIGLIORE PER COMUNICARE?

IL-MEZZO-MIGLIORE-PER-COMUNICARE_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qual é il mezzo per comunicare che usate di più?
Telefono? E-mail? SMS? Messenger? Skype? Whatsapp?
Già il fatto di poterne elencare una quantità… praticamente infinita… Ci fa capire com’è cambiato il mondo in pochissimi anni.
Ho volutamente omesso i segnali di fumo, i piccioni viaggiatori, i messi a cavallo, la posta celere  e gli inossidabili FAX.

Confesso subito che odio i FAX.
Dieci anni fa avevo dato loro non più di sei mesi di vita, proponendo a un sacco di aziende di eliminare l’ottuso oggetto preposto al loro invio e alla loro stupida ricezione.
C’è la posta elettronica! Dicevo. E mi si guardava con un certo compatimento. Ok! Pensavo, lasciamo che cadano in disuso da soli… Pochi mesi…
Ieri per certificare la mia casella di posta elettronica “certificata” ho dovuto spedire copia dei miei documenti d’identità via FAX.
Ha vinto lui! Amen!
Segretamente continuo a sperare che un virus li metta tutti fuori uso prima della  fine dell’anno.

Invece amo whatsapp!
È gratis! Lo uso quando voglio senza obbligare ad una risposta simultanea… e ha i baffi blu.
Croce e delizia, i baffi blu.
Invio… Baffo grigio… Due baffi grigi… Baffi blu! Perfetto! Ora so che il mio interlocutore ha visto il mio messaggio. Magari non l’ha letto ma l’ha visto. Se dopo un’ora non ha risposto… Inizio a temere per il suo stato di salute. Nel senso che penso sia  in preda a gravi difficoltà psicomotorie… E che… nel caso continuasse a non rispondere potrei attentare direttamente alla sua salute.
Ma che caspita avrà da fare per non rispondermi… l’ha visto il mio messaggio! I baffi blu lo certificano!
Per mettermi il cuore in pace penso si sia dimenticato lo smarfò a casa aperto sulla mia chat.
Bello però whatsapp quando funziona!

Nell’ambito del lavoro la posta elettronica resta il mezzo di comunicazione per eccellenza.
Veloce, affidabile, personalizzabile. Con la possibilità di allegare facilmente qualsiasi tipo di file.
Evitiamo magari di metterci immagini da 20 megabyte come fossero acqua fresca. Per questo esistono strumenti specifici, gratuiti, facilmente reperibili sul web tipo  www.wetransfer.com
Altrimenti riduciamo le immagini che vogliamo spedire a meno di 1 mega. Apriamole per esempio con il visualizzatore immagini di windows (basterà premere il tasto destro del mouse e ci apparirà tra le opzioni) –  il pulsante “posta elettronica” è lì, ben visibile e facile da usare.

Ultima cosa… Rispondiamo alle e–mail!
Anche a quelle che non riteniamo importanti. Certo, qualcosa può scappare, ma ricordiamoci che una risposta pronta aumenta la nostra credibilità.

Intanto perché non farci una bella telefonata?!
Sì! Col nostro telefonino che tra poco ci fa anche il caffè ma che usiamo sempre meno per telefonare.
Ottima idea!
Soprattutto se pensiamo di chiamare famigliari e amici.
Per lavoro invece, potrebbe non essere sempre conveniente chiamare direttamente al cellulare la persona che stiamo cercando. Soprattutto se non la conosciamo bene. Potremmo capitare in un brutto momento e non ricevere le risposte che vorremmo.
Secondo me sarà sempre più utile di questi tempi farsi precedere da un sms chiedendo di poter chiamare. Almeno per quelli di cui abbiamo il cellulare ma con cui non andiamo a ballare!
Un po’ come bussare prima  di aprire  una porta.

Ecco!

Solo qualche riflessione personale. Ognuno ha le sue preferenze, la sua sensibilità e conosce bene i destinatari delle proprie esternazioni.
Teniamo solo in conto che il panorama degli strumenti a disposizione cambia ogni giorno e con esso anche il colore dei nostri messaggi e delle nostre conversazioni.
Alla prossima con skype, piccioni e segnali di fumo!

–––––––––––

Se pensate di inviare una newsletter ai vostri futuri clienti potremmo pensarci insieme.

Gratis le quattro Newsletter del primo mese!

Chiamami!
Anche senza farti precedere da un sms! ;–)

 

il-web-che-ci-serve_X_296

IL WEB CHE CI SERVE

il-web-che-ci-serve_X_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stamattina ho la fissa del web, di quello che serve alle aziende per comunicare in internet.
Una fissazione che cresce da un sacco di tempo, da quando ho visto fiorire dappertutto pubblicazioni specialistiche contrassegnate da una cifra: 3.0 – TRE PUNTO ZERO
Cos’è il Web 3.0? Esattamente non lo so, non so neanche con certezza se esista!
Ero lì che mi trastullavo con l’illusione di essere un sacco avanti, io che in qualche modo so qualcosa di web 2.0, quello dei social per intenderci, delle condivisioni, della viralità, degli hashtag, di Facebook e Youtube, dei blog, di google e compagnia bella…
Ecco che quelli bravi, quelli che sanno tutto di tutto… track!!! Mi sbattono sotto il naso questa storia del web 3.0, una cosa che loro ne parlano già dal 2006… roba di big data, di web semantico… e finiamola lì che ho già mal di testa.
Se vi siete incuriositi fatevi una bella gugglata e andate ad annusare cos’è  ‘sto web 3.0.
Ritorno alla mia fissazione… nemmeno si sa se esista o non esista (il web 3.0) e si scrivono libri, si fanno conferenze e io che giro le aziende piccolissime, piccole e medie, le famose PMI, (che sono piccole sì ma non sono le PM10, le polveri sottili), trovo un sacco di siti di imprese con splendide welcome, con le news aggiornate all’ultima fiera del 2009 (sic!),  siti realizzati in Flash, che frega niente cosa sia, purchè sia chiaro a tutti che sull’ipad non si vede, per dire.
Allora 3.0 o 2.0 dovrebbe importarci poco. Dovremmo preoccuparci invece del divario enorme che si sta creando tra tecnologia, strumenti, capacità di operare e diffusione delle conoscenze di base.
Esistono ancora tantissime aziende, spesso non piccolissime che stanno decidendo in questi giorni di sbarcare in Internet per la prima volta. Tra queste ed anche tra quelle che ci stanno da un pezzo, non sono poche quelle che hanno una visione contorta e annebbiata delle differenze che passano tra sito istituzionale, blog, pagina Facebook, e di cosa caspita serva avere una presenza sui principali Social della rete.
Conoscenze semplici, terra terra, per avere chiaro quello che serve a cosa.

Proverò a dire poche cose semplici, magari banalizzando, non mi importa, credo che quello che conta sia ristabilire una nuova base di partenza, un livello di conoscenze diffuso più vicino alla realtà.

La cosa più importante oggi è che il sito istituzionale, il blog o l’applicazione funzioni decentemente su tutti i nostri dispositivi, sul computer di casa, sul portatile, sul tablet che abbiamo in borsa e sullo smartphone che usiamo ormai per tutto. In una parola è importante che la nostra presenza sul web sia “responsive” ovvero risponda sempre, con qualsiasi strumento vi si acceda.
Questa cosa di dover essere responsive a tutti i costi è un po’ una fregatura, i siti hanno finito per assomigliarsi tutti visto che i layout gira che ti rigira sono sempre quelli. Questo aprirebbe un discorso importante sui contenuti, i testi e le immagini, ma ne ho già parlato e ne parlerò ancora.

Una presenza articolata sul web oggi dovrebbe prevedere almeno un sito istituzionale e  un blog o almeno uno dei due e l’interazione sui social più utili alla tipologia dell’attività.

Il sito istituzionale oggi è l’HUB, l’aeroporto dove tutti arrivano e partono.
Mostra le insegne, il logo, le persone, dice dov’è e com’è la nostra attività.
Il Blog qualche volta può sostituire il sito istituzionale, ma ha una funzione diversa, è il giornale di bordo, serve a condividere la vita quotidiana dell’azienda, i progetti ancor prima che si concretizzino, le idee, i valori.
La rete dei Social connette la gente alla vita dell’azienda e l’azienda alla vita del suo mondo.
Esistono social per tutti i gusti e tutte le necessità, per condividere le proprie immagini con brevi commenti (Instagram), per condividere tutte le immagini che ci piacciono, le nostre e tutte quelle che troviamo sul web (Pinterest), per esprimere brevi pensieri accompagnandoli magari da un’immagine, una sorta di microblog in soli 140 caratteri (Twitter), per pubblicare i nostri video a scopo ricreativo, divulgativo o didattico (Youtube), per presentarci e interagire col mondo professionale e delle imprese (LinkedIn), ed infine  Facebook e Google+ dove la vita scorre di condivisione in condivisione con tutte le sue sfaccettature. Una rete fatta anche da un’infinità di altre modalità di interazione, Foursquare  basato sulla geolocalizzazione e quindi adatto al turismo per esempio, e poi ancora, e ancora…
Se siete lì che state pensando a cosa potrebbe mai servirvi questo o quell’altro, quale vi si addice di più… ecc… direi che siamo sulla buona strada.
Questo lungo post forse ha fatto un po’ di chiarezza, ma soprattutto spero abbia fatto nascere tante altre domande…
E l’Hosting? E cos’è WordPress? E quanto dovrebbe costare un sito web? E come dovrei usare i social per promuovere la mia attività? E l’e–commerce? E la landing page? E l’inbound marketing? E l’email marketing? E come dovrebbero essere i testi? E le foto? E…? E…? E…?

Serve ancora qualche risposta?

 

il-colore-delle-parole_296

IL COLORE DELLE PAROLE

il-colore-delle-parole_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tono della nostra voce ci distingue, meglio scegliere con cura il colore delle parole.
Stamattina un’amica che scrive su un blog frequentatissimo mi parlava di stile, di registro, di mood. Mi diceva, sì va bene quel pizzico di umorismo e di ironia ma badando a non esagerare, a non usare mai toni caustici o sarcastici.
Aveva ragione, il suo stile lo esige, le persone cercano nel suo blog l’aria leggera e piena di sole di un sabato mattina a metà Aprile con le ombre e il sole che giocano tra i palazzi storici del corso mentre aprono le botteghe alla moda e il fioraio all’angolo fa a gara con la pasticceria di fronte a prenderci per il naso.
Lei usa parole azzurre, lilla, pervinca che si alternano a quelle che sanno di pane appena sfornato, zuppe, caffè, vaniglia e il ritmo è da brezza primaverile, un‘aria già tiepida ma frizzante.
Perfetto! E poi novità, novità, novità…e autoironia e leggerezza…
Una scrittura mai stucchevole sempre in perfetto equilibrio tra dolce e salato.
Poi invece, cambiato blog, c’è chi tira merda e prende a scudisciate in faccia con post al vetriolo e tweet che magari ci fanno pure ridere ma sono come quando sbatti lo stinco e ti giri, sorridi… no! Fatto niente… mapporcasozzadiunaputt…
Ma ce lo siamo cercato noi eh! Perché lui scrive così, di quelle cose lì perché sa che ci piacciono.
Sa che corriamo a leggere l’ultima stronzata (scritta da dio), quelle tre righe che ti spiegano il sesso o la morte o solo il niente di un martedì mattina…
Volgarità esibita con destrezza, sarcasmo, nichilismo, tagli netti come rasoi… un altro mood, nient’altro che parole e stile diversi, altri ritmi e altri colori.
Parole nere o bianche, rosse, color terra, viola scuro. Parole sparate a raffica e sospese nel nulla di quei tre puntini… che ti lasciano immaginare quello che vuoi.
Parole che pensavo servissero solo a stupire e che invece intrigano adolescenti e li portano dritti dritti a un e–commerce di t–shirt e felpe e jeans skinny e microgonne in lurex e accessory decisamente dark.
Pubblico generalista? Piccole e grandi nicchie? Tutto ha una sua voce, un colore che se ne sia consapevoli o meno.
Chi legge il blog intrigante e leggero per sapere dove trovare il regalino giusto, per stupire ed essere sempre aggiornato all’ultima tendenza non è detto disdegni poi gli antri bui dove bollono i calderoni mefitici e dove lo stregone di turno si trastulla rovesciandoci lo stomaco come un calzino.
Siamo fatti di tante cose e ne cerchiamo sempre di nuove.
Però se vogliamo attrarre le persone interessate a noi, ai nostri prodotti e ai nostri servizi è meglio se proviamo ad essere riconoscibili, a vestire anche il nostro linguaggio sul web con i nostri colori scegliendo le parole giuste.
Al di là degli estremi ci sono un’infinità di gradazioni possibili, di toni giusti, ma soprattutto di parole e stili che ci appartengono e in cui ci riconosciamo.
Possiamo essere allegri allegri e scrivere da far ridere a crepapelle oppure far sorridere soltanto, usare parole che emozionino fino alle lacrime o pervadano di una sottile malinconia. Possiamo essere dei tecnici competenti ed usare un tono dottorale o essere ugualmente preparati e comunicare tutto il nostro sapere con leggerezza e autoironia. Possiamo decantare la bellezza e la preziosità delle nostre collezioni con processioni di superlativi e parolone che sanno solo su Wikipedia o inventarne di preziose, semplici e limpide come diamanti. Possiamo descrivere le qualità tecniche della nostra produzione usando il linguaggio degli addetti ai lavori o colorando con i toni del nostro stile anche la descrizione della lavorazione più hi–tec.

La nostra identità e quella della nostra azienda è fatta anche dalle parole che scegliamo, dal tono, dal ritmo della nostra voce che diventa  scrittura e immagini sul nostro sito internet, sul blog, sui social, sulle news che ci rappresentano e mostrano al mondo la nostra faccia.
Cerchiamo che sia riconoscibile…  che sia davvero la nostra faccia.

food_packaging_storie-di-gusto_296

FOOD PACKAGING – STORIE DI GUSTO

food_packaging_storie-di-gusto_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2015 è l’anno di Expo: Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Si parla, e tanto, di cibo: padiglioni, progetti e aree tematiche, irrinunciabili quelli di Arts e Foods (expo2015 – arts&foods) e il Future Food District (expo2015 – future-food-district)

C’è cibo dappertutto: in televisione, sui libri, sui giornali, nei socialnetwork, cibo fotografato ed iperconsumato, cucinato, impiattato, condiviso, instagrammato, commentato, raccontato, discusso, criticato, osannato. Non sono più le rockband ad avere le groupies, sono gli chef. La fila si fa per entrare da Eataly, il libro più desiderato è quello di Massimo Bottura, e stellati non sono più i cieli di Van Gogh, ma i ristoranti dall’aria rarefatta di luoghi sacri di una nuova religione.

Milano è la nuova capitale del cibo, anzi, del FOOD, dove il sostantivo già inizia a farsi  packaging. Etichette vagamente hipster, shopper di tela, libri di cucina indiana dentro un sacco di canapa, scatole di cartone grezzo chiuse da un pezzo di spago. Per un cibo che prima di essere mangiato deve essere fotografato e pubblicato con almeno sei hashtag, il packaging è parte dell’esperienza stessa di consumo: materico, multisensoriale, ammicca dagli scaffali della grande distribuzione o dalle mensole di legno delle gastronomie di lusso dentro la ricca e sonnolenta provincia.

Il packaging è immagine, e l’immagine continua a vendere. Un panino al bar. la pizza da asporto, il vassoio di paste della domenica: sono i colori della scatola, la grana della carta, il lettering giusto a trasformare qualcosa di banalmente buono in una specialità gourmand, è l’hashtag stampato a raccontare chi siamo, nella rete e fuori, attraverso gli occhi di chi ci sceglie.

Vogliamo mangiare cose sane, cose buone, cose che fanno bene, e vogliamo che siano belle, coerenti: carte ruvide per fuggire via dalle raffinazioni artificiose del’industria, tinte rubate alla madre Terra perchè i coloranti sono veleno, shopper di tela dai messaggi politicamente (s)corretti per far pensare e veicolare identità e filosofie.

Cose sane e belle, per continuare a definire la nostra identità attraverso ciò che consumiamo; è l’epoca dell’oversharing, dello storytelling, del personal branding.

E la storia di chi siamo noi inizia da come vestiamo il nostro prodotto.

Che storia vuoi raccontare?

stand-cariolato_296

UNO STAND SOCIAL

stand-cariolato_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bello lo stand social di Cariolato Arredamenti!
Visto Domenica scorsa a SpazioCasa, la fiera Vicentina dedicata all’arredo. Oltre alle bellissime cose delle più prestigiose marche del design contemporaneo, lo stand era caratterizzato da un angolo giallo. L’angolo dei post-it dove tutti i frequentatori della fiera potevano lasciare un breve pensiero sulla propria idea di casa. Un modo diverso di rendere vivo, interessante e divertente la propria presenza nella kermesse vicentina. Uno stand social davvero, un modo creativo per far agire la gente e raccogliere idee che magari verranno buone sul web. Per essere veramente social bisogna proprio innescare un circuito tra realtà e web che moltiplica all’infinito la visibilità e gli incontri. Il web funziona se racconta cose che succedono davvero e se grazie a internet ci si trova nella realtà!
Bello uno stand social tutto giallo!

BUONI-PROPOSITI-2014_296px

Un buon proposito per il 2014. Incontrarsi.

BUONI-PROPOSITI-2014_634pxMentre l’anno appena iniziato muove i primi passi mi  vien voglia di condividere ancora un buon proposito per il 2014 mettendo in campo tutte le energie per realizzarlo già dai prossimi mesi. 
La pausa delle feste ci ha permesso di fare tre passi indietro allontanandoci un po’ da noi stessi per osservarci meglio, per guardare quello che abbiamo fatto e capire dove stiamo andando.
Mentre cerco di discernere il bello dal brutto, quello che mi pare di aver fatto bene da quello che ho sbagliato, mi viene una riflessione forte su internet.
Dobbiamo andare oltre i social network, superare questi splendidi mezzi che ci permettono di entrare in contatto senza conoscerci.
Sarà bello e utile per le nostre vite, per sviluppare le nostre attivitá, riuscire a conoscerci davvero.
Incontriamoci!

Più persone conosciamo e maggiori opportunità abbiamo. Più possibilità di sviluppare il nostro lavoro, di confrontare le nostre idee, di risolvere i nostri problemi.
Conoscere nuove persone aumenta il nostro capitale relazionale e ci fa vivere meglio.
Ma non solo su facebook!

Incontriamoci, stringiamoci la mano, raccontiamoci!
Il mio buon proposito nel 2014 sarà quello di conoscere davvero tante delle persone che sfioriamo appena sul web. Sono sicuro che in tanti condividiamo idee, gusti, aspirazioni e incontrandoci potremmo realizzarne una parte.
Mi piacerebbe provarci.
Sarei felice di incontrare imprenditori con cui scambiare idee su come comunicare l’azienda, il lavoro, il prodotto. Mi piacerebbe ascoltarli e raccontare quello che farei per loro. Discuteremmo di internet e del profumo dei negozi, dell’opacità di una carta, di come scrivere la presentazione di una nuova creazione e della musica giusta su cui montare il video perfetto. Ci racconteremo quello che ci piace.
Vorrei conoscere persone a cui regalare idee e vendere sogni mentre rubo loro un po’ d’entusiasmo. Ci verrebbe spontaneo scambiarci consigli e condividere progetti.
Conosceremo tante persone con cui non lavoreremo mai  e altre con cui invece realizzeremo un sacco di idee interessanti.
Davvero un buon proposito per il 2014.
Se l’idea vi piace condividetela, provateci anche voi.
Ci vediamo!

perla_3

Fotografia, gatti e smartphone

Da quando, grazie ai cellulari, fotografare è diventato un gesto comune come grattarsi, i nostri animali domestici… cani, gatti, pappagallini e pesci rossi, ma soprattutto i gatti,  sono diventati star internazionali. Grazie alla condivisione sulla rete i nostri fuffy e black hanno album fotografici molto più corposi di Angelina Jolie e Brad Pitt messi insieme. Potevo esimermi dal riservare a Perla un trattamento analogo a quello dei suoi competitors in rete? Certo che no! Purtroppo Perla non è una gatta molto social, preferisce decisamente grattarsi e della rete e delle mie foto non gliene frega niente. Se in casa c’è un accenno di festa e il numero dei convenuti eccede lo standard massimo sopportabile di cinque persone lei fa armi e bagagli e veleggia verso lidi meno affollati. Appena mi avvicino con aria furtiva per catturare un primo piano gli si drizza il pelo e cambia aria con la velocità… di un gatto appunto! Perciò avvilito, mi ritrovo con immagini sempre mosse o sfuocate o… mentre dorme, l’unico momento in cui posso tentare uno scatto senza vederla fuggire. Nella foto che pubblico in cui mi guarda irritata Perla non ha certo l’aria da vamp che esibiscono le sue colleghe a quattro zampe regine di istagram e di facebook!