La buona creatività

la-buona-creatività_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La creativitá spesso è difficile. La buona creativitá è fatta di azzardi, di errori, tante volte è figlia di un numero infinito di insuccessi!
Quando le situazioni diventano difficili e siamo ormai oltre il baratro c’é solo un ultimo guizzo di creativitá che ci può salvare. L’ansia che ci prende quando ci infiliamo in imprese di cui non abbiamo calcolato le difficoltá, quell’ansia lí è buona, ci spinge a ragionare al di fuori degli schemi, a mettere in campo idee che non osavamo nemmeno prendere in considerazione, che ritenevamo ridicole e invece qualche volta queste idee balzane ci tirano fuori dai guai e ci fanno fare quelle cose di cui poi saremo orgogliosi.
Quando la creativitá fallisce sono pochi i meschini che le gettano la croce addosso. È talmente ammirevole lo sforzo estremo di cercare significati inimmaginabili, di intervenire nei territori ai margini della razionalitá che il fallimento può essere visto solo come la fine di un tentativo che dà spazio ad un’altra prova.
Un amico architetto diceva – bisogna avere il coraggio di mostrare le chiappe! – intendeva dire che ad un certo punto, quando magari il progetto è in una impasse, bisogna saper essere trasgressivi, tirar fuori quello che abbiamo dentro, mostrarsi nudi e accettarne le conseguenze, le critiche costruttive e quelle malevole.
Senza determinazione e spregiudicatezza difficilmente riusciremo a trovare soluzioni alternative ai soliti facili sentieri battuti dai gitanti della domenica. 
Sentieri affollati da chi ha imparato a memoria la lezioncina. Si fa così e cosà! Precisini, elegantini con i colorini!
Se invece si prova a fare della buona creatività è possibile sbagliare.  La ragione non si farebbe mai carico dei compiti che si accolla la creativitá: stupire, inventare, emozionare, salvare. É normale che qualche volta non ci riesca. La buona creativitá sbaglia ancora piú spesso perchè si avventura  sulle creste, si prende rischi mortali. Quando però riesce che paesaggi!
La buona creativitá non è un gioco facile, a volte sembra non aver nessuna voglia di venir fuori. Allora é necessario lo stimolo del rischio, mettersi nelle condizioni estreme di non poterne farne a meno, tagliarsi i ponti alle spalle, lasciar crescere l’ansia, incrociare le dita e lavorare sodo!