IL CLIENTE NON È SOLO QUELLO CHE PAGA

il-cliente-non-è-solo_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La committenza, il cliente non è solo quello che paga!
Per un creativo il cliente è molto di più.
Perché diciamocelo… possiamo essere i creativi più bravi del pianeta ma senza un committente che scelga il nostro lavoro non facciamo proprio niente.
E questo molto al di là delle pur importanti questioni economiche.
Certo il cliente è quello che paga il nostro lavoro… ma fa molto di più.
Tanto che, secondo me, se un committente adempie fino in fondo al suo ruolo dobbiamo riconoscergli almeno metà del merito del successo del nostro lavoro.

Prima di tutto ci valuta e ci sceglie… e spesso lo fa non solo dopo aver valutato il nostro curriculum ma il più delle volte anche in base ad una sorta di sesto senso, di feeling magico che nasce chissà come.
Ed è proprio grazie a questo rapporto particolare che è possibile dirsi le cose in faccia, magari litigare duro per arrivare alla fine ad ottenere qualcosa che probabilmente nessuno dei due all’inizio avrebbe immaginato.

Se non c’è questo feeling meglio lasciar perdere che di rogne ne abbiamo già lo stesso tutti in abbondanza.

Poi il cliente, quando è il momento, deve saper scegliere e decidere.
Aiutato, supportato dal nostro lavoro e dai nostri consigli ma deve sapersi accollare le responsabilità che gli competono
Anche la scelta di lasciare carta bianca al creativo di turno è una scelta. Una scelta, secondo me, il più delle volte sbagliata, ma pur sempre una opzione rispettabile se fatta consapevolmente.
Una scelta sbagliata perché così facendo il committente rinuncia ad un bel viaggio in compagnia del creativo che ha scelto e si perde la possibilità di capire, di discutere le scelte, di impare e di insegnare.

Una scelta impossibile quando si affronta il progetto e la messa in produzione di un nuovo prodotto.
Ho disegnato di tutto, dal cucchiaio alla città si diceva per darsi delle arie una volta. Certo ho messo un po’ di me in… case… uffici, interni, mobili di tutti i tipi, gioielli a go–go, sistemi espositivi, stand, progetti grafici e di comunicazione… ma non sarei mai riuscito a rendere credibile il mio lavoro senza uno scambio continuo di conoscenze e di idee con il “paròn” dell’azienda, con gli operai e gli artigiani e con tutti quelli che da sempre conoscono il “come si fa”.

La riuscita di un buon edificio, di un mobile bello e funzionale o solo semplicemente emozionante, di un oggetto che funziona e che avrà un mercato è dovuta alla capacità di dialogare tra progettista, committente e maestranze tecniche.
E questo funziona sempre per ogni rapporto tra creativi e aziende…

Giusto stamattina me ne stavo incantato ad ascoltare uno degli imprenditori orafi con cui collaboro raccontarmi di dettagli tecnici, di lavorazioni straordinarie… a metà della chiacchierata la battuta fulminante di uno degli artigiani che creano le sue splendide collezioni…
Basta che alla fine siamo d’accordo!
Ecco sì, discutiamo, scambiamoci informazioni e cresciamo insieme cercando una soluzione che soddisfi tutti.

Scegliamoci bene!

Leggi anche:  “Ancora sulla creatività, ovvero l’arte di scegliere”