LA MALA EDUCACIÓN

LA-MALA-EDUCACION__1000Rubo maleducatamente il titolo al film di Almodovar del 2004 e al talk sul sesso in cui spesso mi imbatto zappeggiando a tarda ora quando ormai non restano che televendite, Vespa e sesso per l’appunto.
Dopo il doveroso tributo al film cult del regista spagnolo e al talk con tre X di Elena di Cioccio su la 7d meglio venire a bomba senza altri fraintendimenti.

Le comunicazioni di lavoro, che avvengano telefonicamente o, come sempre più spesso via email, sms, whatsapp, skype e altre app a piacere, sono pur sempre comunicazioni e come tali mostrano chi siamo.
Un tempo le mamme passavano in rassegna i pargoli per accertarsi che mostrassero un’immagine dignitosa di sé e della famiglia di provenienza, sarà bene trasferire in azienda, in negozio e in qualsiasi ufficio o luogo di lavoro le buone pratiche materne di tanti anni fa.

Così alla rinfusa:

Non obblighiamo ad aprire PEC in continuazione, anche per comunicazioni tutt’altro che formali.

In azienda tutti gli indirizzi di posta personali dovrebbero mostrare le stesse caratteristiche. Una piccola foto che mostri con chi si parla è sempre gradita, l’indirizzo standard – nome.cognome@nomeazienda.it –  anche solo il nome va bene, poi LOGO e tutti i dati aziedali utili.

Evitiamo la politica del – ognuno fa come vuole –  comunque sia registriamoci con indirizzi di posta dignitosi evitando nomignoli, ammiccamenti, sigle strane e altre facezie.

Buongiorno o ciao, grazie, ed altri ammennicoli della cortesia non sono ancora stati cassati da leggi ad hoc.

Non ignoriamo le email di lavoro facendo finta di niente. Se capita e ce ne accorgiamo dopo giorni rispondendo iniziamo con uno – scusa – funziona sempre e mostra che non è sempre così.

Qualsiasi cosa scriviamo e chiediamo pensiamo che al di là dello schermo del pc o dello smartphone c’è sempre una persona non un’entità astratta.
Non scriviamo alle aziende ma alle persone che le rappresentano, siano l’AD o la centralinista all’ingresso.
Così per noi. Quando scriviamo rappresentiamo la nostra azienda e abbiamo la responsabilità di quello che diciamo.

Nello scrivere oltre ad essere educati e gentili cerchiamo di non essere prolissi, di andare velocemente al punto, di dare e chiedere tutte le informazioni necessarie, sottolineando e mettendo in evidenza le più importanti o quelle che temiamo possano essere ritenute superflue dal nostro interlocutore.

Potrebbe essere utile organizzare in azienda un breve meeting in cui condividere le buone prassi di utilizzo dei mezzi con cui dialogare con il nostro pubblico, clienti e fornitori.