Articoli

LA-MALA-EDUCACION__1000

LA MALA EDUCACIÓN

LA-MALA-EDUCACION__1000Rubo maleducatamente il titolo al film di Almodovar del 2004 e al talk sul sesso in cui spesso mi imbatto zappeggiando a tarda ora quando ormai non restano che televendite, Vespa e sesso per l’appunto.
Dopo il doveroso tributo al film cult del regista spagnolo e al talk con tre X di Elena di Cioccio su la 7d meglio venire a bomba senza altri fraintendimenti.

Le comunicazioni di lavoro, che avvengano telefonicamente o, come sempre più spesso via email, sms, whatsapp, skype e altre app a piacere, sono pur sempre comunicazioni e come tali mostrano chi siamo.
Un tempo le mamme passavano in rassegna i pargoli per accertarsi che mostrassero un’immagine dignitosa di sé e della famiglia di provenienza, sarà bene trasferire in azienda, in negozio e in qualsiasi ufficio o luogo di lavoro le buone pratiche materne di tanti anni fa.

Così alla rinfusa:

Non obblighiamo ad aprire PEC in continuazione, anche per comunicazioni tutt’altro che formali.

In azienda tutti gli indirizzi di posta personali dovrebbero mostrare le stesse caratteristiche. Una piccola foto che mostri con chi si parla è sempre gradita, l’indirizzo standard – nome.cognome@nomeazienda.it –  anche solo il nome va bene, poi LOGO e tutti i dati aziedali utili.

Evitiamo la politica del – ognuno fa come vuole –  comunque sia registriamoci con indirizzi di posta dignitosi evitando nomignoli, ammiccamenti, sigle strane e altre facezie.

Buongiorno o ciao, grazie, ed altri ammennicoli della cortesia non sono ancora stati cassati da leggi ad hoc.

Non ignoriamo le email di lavoro facendo finta di niente. Se capita e ce ne accorgiamo dopo giorni rispondendo iniziamo con uno – scusa – funziona sempre e mostra che non è sempre così.

Qualsiasi cosa scriviamo e chiediamo pensiamo che al di là dello schermo del pc o dello smartphone c’è sempre una persona non un’entità astratta.
Non scriviamo alle aziende ma alle persone che le rappresentano, siano l’AD o la centralinista all’ingresso.
Così per noi. Quando scriviamo rappresentiamo la nostra azienda e abbiamo la responsabilità di quello che diciamo.

Nello scrivere oltre ad essere educati e gentili cerchiamo di non essere prolissi, di andare velocemente al punto, di dare e chiedere tutte le informazioni necessarie, sottolineando e mettendo in evidenza le più importanti o quelle che temiamo possano essere ritenute superflue dal nostro interlocutore.

Potrebbe essere utile organizzare in azienda un breve meeting in cui condividere le buone prassi di utilizzo dei mezzi con cui dialogare con il nostro pubblico, clienti e fornitori.

tutti-su-whatsapp

tutti su whatsapp

tutti-su-whatsappOre 22,18 di un martedì qualsiasi. Ho finito da poco di correre e sto cenando. Il cellulare vibra mandando in risonanza il tavolino vicino alla TV. Me ne frego e lo lascio vibrare. Due ore dopo ripongo il libro sul comodino e faccio per mettere la sveglia alle sei e mezza ma quando lo schermo si illumina mi sorprende la preview di un messaggio su WhatsApp – Ciao Paolo, ecco l’immagine per la copertina del depliant, ci sentiamo domani. –

È una cliente di lungo corso, ci conosciamo da anni. Guardo l’immagine distrattamente, tanto so già che all’indomani, in ufficio dovrò chiederle di rispedirmela in un formato adatto alla stampa. Non rispondo, sto per chiudere e scorro la timeline… mi vengono un sacco di pensieri strani, resto in bilico tra la risata e il brivido. Vedo il messaggio con la faccina della mia cliente mescolato a quelli della mia compagna, dei miei figli, degli amici delle corse in montagna, del gruppo sul design di qua e della fotografia di là… in mezzo ai messaggi con la lista della spesa, ai cuoricini e alle faccine… Ho un giramento pensando alle infinite possibilità di errore che potrebbero capitare inviando messaggi al volo, perchè il mezzo è veloce e i messaggi scappano come sternuti, altro che piccioni viaggiatori. Mi torna in mente l’errore tragicomico della buonanotte decisamente troppo romantica inviata al gruppo delle corse invece che alla mia dolce metà. Mancherebbe solo di inviare bacini a qualche cliente. Magari a quel rude produttore di marmi. Usare whatsapp per lavoro rischia di esporci a figure barbine. Ma tutto deve essere fatto in fretta, in contemporanea con tutti… Scorro la timeline e mi viene la tentazione di sollecitare quello e chiedere a quell’altro… La mia cliente è ancora on-line, come se aspettasse una risposta… Notte!