Articoli

LA-MEMORIA-DELL'ANTICO

LA MEMORIA DELL’ANTICO

LA-MEMORIA-DELL'ANTICO

 

I gioielli ma anche gli oggetti d’arredo, le auto, i vestiti e perfino le caffettiere come tutto ciò che acquistiamo hanno sempre avuto un valore simbolico. La loro essenza era la rappresentazione di ruoli sociali ben definiti e riconoscibili. Un po’ per qualsiasi cosa ma per la casa e ancor più per i gioielli le simbologie si sprecavano… Potere e sottomissione, affiliazione, appartenenza, onore, forza, coraggio, saggezza, fecondità, ovviamente ricchezza, religiosità, devozione, trasgressione…
Bei tempi! (…o brutti, fate voi)
In quest’epoca senza dei, in cui il tempo e i ruoli scorrono liquidi, in cui la struttura della famiglia e delle ricorrenze ad essa legate lasciano il tempo che trovano, gli oggetti in cui ci identificavamo non rappresentano quasi più nulla. Sono diventati perfino inadeguati a mostrare l’ovvio: la ricchezza, il ruolo sociale, il potere.
In questi anni, fatti di giochi senza senso, guardiamo con nostalgia ai simboli e ai valori che solo cinquant’anni fa regolavano ancora le nostre relazioni.
Non si stava meglio quando si stava peggio. Certo che però ci piace giocherellare ancora con le insegne che un tempo rappresentavano ruoli e valori carichi di emozioni, indiscutibili immagini di un mondo sparito con la Coca–cola e i pop–corn.
Ci riferiamo tutti alla memoria dell’antico come ad un ultimo baluardo contro la perdita di senso.
Fare design oggi non può prescindere dalla storia, dal prendere a prestito forme simboliche che si trasfigurano in sberleffi ironici o in evocazioni romantiche, in giochi colti o semplici copia–incolla di decorazioni, disegni e immagini di tempi che attraverso le nebbie della memoria ci rassicurano.
Pensando all’opera di Alessandro Mendini che ci ha lasciati da poco e insieme a lui a tutti i maestri del moderno val la pena ricordare come la memoria del passato sia ancora il terreno su cui far crescere il nuovo.

CUORE_296_B

A forma di cuore

CUORE_634_B

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A San Valentino impazzano i cuori! Anelli a forma di cuore, cioccolatini, piatti, mutande, occhiali, divani, cuscini, lampade, tutto a forma di cuore, soprattutto tante boule dell’acqua calda.
Una forma che col cuore, quello vero, sembra averci proprio poco a che fare. Una forma che non si sa bene da dove venga così le ipotesi impazzano come i cuori. Molti ne accreditano la forma all’analogia con profili di parti anatomiche femminili al centro dell’eros come seni, fondoschiena e monte di venere. Altri dal seme di Silfio, una pianta ora estinta che pare avesse poteri anticoncezionali, e ancora da geroglifici egizi e da simboli tantrici, insomma ognuno può pensarla come vuole.
Di certo c’è solo che di oggetti a forma di cuore siamo invasi tutto il tempo dell’anno e a San Valentino ovviamente ancora di più. Cuori che tante imprese e tanti negozianti immaginano a forma di portafogli sperando che i sentimenti si trasformino in impulsi d’acquisto e i loro cuori in vetrina diventino il centro d’ attrazione di tanti animi teneri.
Purtroppo, se è verissimo che le emozioni hanno parecchio a che vedere con i nostri acquisti, non è altrettanto certo che questi oggetti a forma di cuore diano sempre il via alle emozioni giuste. Infatti di fronte a un cuscino cuoriforme c’è chi si scioglie in dolci languori e chi no. Fatte le debite proporzioni direi che i secondi, quelli che aborriscono i cuori, siano in maggioranza. Però quelli che li amano alla follia sono così determinati che da soli tengono in piedi un mercato. Nel dubbio chiedere a “cuoricina” tanto per citare una fanatica a caso.
E’ certamente vero che un gioiello o un cioccolatino a forma di cuore hanno un senso mentre un ombrello o delle ciabatte meno. Direi proprio che la tipologia del prodotto fa la differenza. Gli oggetti che hanno a che fare con la persona in senso fisico, con i sensi e la comunicazione, hanno più probabilità di altri, una volta prese le sembianze di un cuore, di avere un certo successo commerciale. Un’ultima riflessione, ci sono oggetti a forma di cuore proprio brutti mentre invece  ce ne sono alcuni che attraggono anche un pubblico che non ama particolarmente la forma. Perciò trastullandoci con questo simbolo consumato e abusato dovremmo provare ad innovare introducendo un pizzico d’ironia e di creatività. Magari togliendo un bel po’ di zucchero, quel che basta ad evitare la carie e le malattie del cuore!