fbpx

Articoli

Creatività e strategie oblique

Tra oggi e domani vivremo le ore più calde dell’anno… meteorologicamente parlando!
Arriva Caronte l’anticiclone africano e io vi propongo di affrontare la calura mettendo mano a strategie oblique… usando tutta la vostra creatività.
In realtà voglio solo farvi conoscere una delle opere a mio parere più singolari di Brian Eno il musicista – non musicista come egli stesso si definisce, ingegnere del suono, artista visivo poliedrico dalla creatività esplosiva. Tutti noi ascoltiamo senza saperlo almeno una sua opera tutti i giorni. All’avvio  e alla chiusura i nostri computer, siano windows o mac, diffondono dei brevissimi jingles composti proprio da lui.
Ad un certo punto della sua vita artistica Brian Eno si dev’essere trovato a corto di idee, come alla fine di una strada senza uscita. Oppure nel bel mezzo di una composizione deve aver avuto la brutta sensazione di non saper più cosa fare, di trovare tutte le soluzioni creative che gli venivano in mente vecchie e poco attraenti. In questo frangente Brian Eno in collaborazione con l’artista Peter Schmidt  ha avuto la bella idea di creare un mazzo di carte, ciascuna recante un aforisma da cui trarre indicazioni, come da un moderno aruspico, sulla via da scegliere nel proseguire la propria attività artistica: le “strategie oblique”. Oblique Strategies, Over One Hundred Worthwhile Dilemmas –  nella prima edizione del 1975 erano 113 carte in un cofanetto nero. A queste successero altre due edizioni nel ’78 e nel ’79 e poi una quarta edizione in realtà mai messa in vendita. Fortunatamente oggi è possibile acquistare la quinta edizione senza farsi svenare da qualche collezionista.
Ecco se siamo in un impasse creativo o più semplicemente se abbiamo qualche dubbio sul come proseguire la giornata, se spaparanzarci all’ombra a leggere un bel libro o tuffarci in piscina, possiamo pescare a caso una carta e seguire le preziose indicazioni. La mossa giusta potrebbe essere non scegliere! Tuffarci in piscina all’ombra di un bel libro.

ObliqueStrategies

CONTATTAMI

Pensiero laterale, illusioni visive, giochi

Estate, vacanze, tempo di relax e… perché no, di giochi!
Mi hanno sempre fatto impazzire quei test, quei rompicapo apparentemente impossibili da risolvere, oppure anche solo quelle immagini che ci svelano le impercettibili dissonanze dei nostri sensi. Visto che il mio lavoro ha a che fare soprattutto con la creatività, con la capacità di vedere le cose in modo diverso, vi propongo un test molto semplice, un piccolissimo esperimento per testare la predisposizione al pensiero laterale.
Il test è semplice e serve a vedere se in voi prevale il pensiero logico o il pensiero laterale e creativo.
Il test dell’illusione ballerina. (notate il gioco di parole)
Guardate l’illusione ottica “Silhouette Illusion creata da Nobuyuki Kayahara nel 2003, l’illusione ricorda una ballerina piroettante. Alcuni la vedranno girare in senso antiorario altri in senso orario, alcuni – ci ho provato senza successo – vedranno la ballerina cambiare senso di rotazione.

Guardate l’immagine per qualche secondo.

illusione_ballerina

Se vedete la ballerina girare in senso orario in voi prevale l’emisfero sinistro dove risiede la parte logica, quella dedicata al linguaggio, alla matematica, all’attenzione per i particolari e alla capacità di apprendere, la parte più pratica di voi. Se volete vedere la ballerina cambiare senso di rotazione provate a lasciarvi andare all’immaginazione e alle sensazioni.

Se invece vedete la ballerina girare in senso antiorario in voi prevale l’emisfero destro dove risiede la parte più creativa, più emotiva, più istintiva… il pensiero laterale in voi è innato, vedete le cose in modo diverso. Fantasia e istinto sono prevalenti quindi in questo caso se volete vedere girare la ballerina in senso orario provate a concentrarvi di più sui dettagli della figura.

Com’era scontato la mia ballerina gira sempre e solo in senso antiorario e non è servito a niente fissarle solo i piedi o la testa, solo con l’occhio destro o solo con quello sinistro.
Comunque sia andata, non è nulla più di un gioco!

CONTATTAMI