fbpx

Articoli

Tagli e ritagli

Saper inquadrare e tagliare cambia le fotografie.

Una foto può essere bella oppure brutta, al di là dello scatto, delle infinite possibilità di elaborazione grafica e di fotoritocco oggi disponibili.

Il modo di tagliare e impaginare una foto la cambia completamente.
Qualche riflessione sul momento dello scatto e del perché in genere i fotografi mi odiano cordialmente.

Quando scatto una foto mi viene spontaneo, come a tutti, di scegliere immediatamente il taglio che voglio dare all’immagine. Inquadrare è una delle prime azioni creative che facciamo tutti fotografando. Scatto! E in un attimo scarto migliaia di altre immagini possibili.
Bello! Fa parte del gioco.

Se però l’immagine che sto scattando, o un fotografo sta scattando per me e per l’azienda che rappresento, farà parte di un progetto di comunicazione, sarà utile allargare un po’ il campo di ripresa per poter poi utilizzare quell’immagine con tagli diversi.

Tanto più l’immagine è significativa, tanto più vorrò utilizzarla a corredo di strumenti diversi, che richiedono tagli diversi.
È la legge dell’immagine coordinata, la stessa foto dovrà poter occupare formati orizzontali e verticali mantenendo la stessa carica emozionale.

Il taglio di un’immagine fa la differenza.

Io cerco sempre di ricordarmi di allargare l’inquadratura, anche se al momento mi sembra di togliere qualcosa allo scatto. Purtroppo quando mi capita di suggerirlo al fotografo di turno, in genere mi guarda come si guarda un cretino rompipalle. Come un ladro che gli sta rubando un po’ del suo spazio creativo. Ha ragione, lo capisco, ma quello spazio verrà usato dopo, con il tempo necessario per scegliere.

La scena del prodotto

Ecco qualche idea … e ricordiamoci sempre che tutte le regole sono fatte per essere trasgredite.

Pensiamo di essere a teatro, l’ho già detta mille volte ma non mi pare  sia passata ‘sta cosa del teatro.

Isoliamo il protagonista
La poltrona, il tubo di crema,  la collana, la bottiglia di grappa, la lamiera…  e usiamo la sua ombra stagliandola su di una scena bianca o facendola perdere nel buio. Un attore solo deve saper  tenere la scena, essere un mattatore…  ma ce l’abbiamo tutti un golden boy da schiaffare in prima pagina.

Uno… due… tre… quattro… protagonisti
Abbiamo diversi prodotti importanti? Isoliamoli  tutti come nel teatro dell’assurdo. Distanziamoli in spazi uguali, in fila. Separiamo lo spazio con la luce. Oppure disponiamoli secondo una geometria nota solo a noi, che risponda solo a canoni estetici. Oggetti inquietanti che non si parlano, che si voltano le spalle…

Mettiamoci il coro
Come il coro sulla scena del teatro greco antico mettiamo un gruppo di prodotti omogenei che faccia da contraltare ai protagonisti, li sorregga e li accompagni. Un po’ di spazio tra  gli uni e gli altri e luci diverse.

Un grande gruppo, un’orchestra
Valido per grandi gruppi di cose relativamente piccole.
C’è il direttore d’orchestra, il primo violino, l’arpa… e poi  tenori, soprani, contralti e stuoli di voci bianche…
Una composizione quasi sempre piramidale per non impallare nessuno, ma non per forza a simmetria centrale. Possiamo spostare il focus a tre quarti, tutto a destra o a sinistra. Se invece vogliamo proprio costruire l’altare… Esageriamo! Facciamolo verticale, alto, simmetrico fino all’inverosimile, senza un capello fuori posto. La luce cadrà al centro e sembrerà sparire ai bordi della nostra composizione.

Teatro sperimentale d’avanguardia
Della serie..  facciamo casino che tutti ci guardino!
Unica regola, la più dura, non avere regole.  Buttiamo le nostre cose come fossero messe a caso. Ci metteremo tre giorni ma non importa. Il risultato deve lasciare a bocca aperta… comunque.

Postilla
Evitiamo quelle cose da vigilia di Natale, i fiori se non facciamo i fioristi…  vetrine, stand, foto bellissime ma dove il prodotto non si vede. A meno che l’obiettivo non sia un altro, vendere il brand non il prodotto.
In genere sono due lavori diversi…