Articoli

b_saper-scarabocchiare_296

Uno scarabocchio per pensare.

b_saper-scarabocchiare_634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tipo di disegno più utile è lo scarabocchio.
Quel modo così veloce di schizzare un’idea  che non si ha il tempo di aggiustare, cancellare, rifare.
La matita deve essere morbida da sporcare le mani ma va bene anche un pennarello, una biro. Purchè si abbia quel feeling perfetto col segno da tracciare fili leggeri come capelli che improvvisamente diventano segnacci grossi, macchie piene.
Scarabocchiare è un esercizio da coltivare prima con metodico rigore e poi riempiendo gli spazi di una telefonata, di una riunione pallosa, trasformando il nulla in idee magiche o semplicemente rilassando la mente con un milione di tratti ripetuti in sfumature infinite come sferruzzare centrini all’uncinetto. L’allenamento allo scarabocchio verrà buono quando meno te lo aspetti. Per capire la forma di un oggetto che abbiamo pensato solo a metà, per spiegare un’idea o comunicare un’emozione.
Ecco forse dove sarà difficile trovare mezzi digitali che diano le stesse sensazioni, la matita, la carta. I risultati no, ci sono già, tavolette magiche, sensori di pressione, pennelli digitali capaci di rendere qualsiasi effetto. Ma scarabocchiare sarà sempre quell’altra cosa, una matita 6b, un foglio di carta giallino magari già macchiato d’inchiostro viola e un’esercizio fisico del disegno paragonabile a una corsetta in montagna. Scarabocchio una curva poi un’altra che si discosta pochissimo, un tratteggio sottile e una segno veloce, lungo prima forte e poi sottile che quasi esce dal foglio.