Articoli

storia 018 dal mondo nuovo – imperfezioni, emozioni 

Provo a mettere insieme tutte le imperfezioni che mi piacciono e vengono cose bellissime. L’asimmetria cercata, conquistata a fatica dopo anni persi a rincorrere simmetrie, facili, cretine nelle loro inutili fissità. Se penso quanto tempo ci ho messo a guarire da questa assurda malattia infantile. Uno spreco infinito di tempo perso in cerca di sicurezze inutili, ignorando fascinosi percorsi creativi. Fotografie in cerca di occhi così leggermente diversi, inclinazioni minime, labbra da piccole fessure, nasi capaci di segnare la mente, timbri di voce in bilico tra profumo di vento e rumore di neve. In cerca di gesti inaspettati sullo sfondo di chiese buie.
Che cazzata la perfezione!
Che stupida inutile scemenza! La voglia di superfici lucide, di spigoli affilati, di bianchi assoluti, di curve automatiche, di pose zuccherose e parole melliflue. Cerco la verità ruvida di segni che emozionino. Gioielli grandi che lascino ombre sulla pelle nuda. Sedie fatte da un segno solo. Piatti tutti diversi e magicamente uguali. Texture con cui rivestire gambe lunghissime in soffi di voile e morbide poltrone dalle superfici calde. Cerco parole dimenticate nelle fessure inesplorate di vocabolari ingialliti. Parole evanescenti, azzurropolvere… Template di siti internet talmente responsive da mostrare solo pagine bianche su cui stendere una assordante typography nera. Voglia di video in pianosequenza infiniti, camminate, sguardi, risate, gesti, lentezza e velocità, nudità e buio. Voglia di schegge. Di corse in macchina lontano, di quadri e sculture enormi, di foto di mani lunghe e imperfette da poker. Di imperfezioni sdrucite, di font mangiati dalle unghie, di scatti analogici da vecchia Contax tra le lame di luce che piovono dal soffitto di un magazzino liberty, dalle volute e dagli occhi ovali di una chiesa barocca. Impaginati pensati per carte da panettiere e formati giganti da portarsi via. Imperfezioni, attrazioni totali, progetti definitivi, emozioni…

storia 016 dal mondo nuovo – dei progetti di Identità 

Stiamo tutti progettando il nuovo anno, un catalogo, una collezione, un prodotto, una nuova immagine… Stiamo cercando un’idea, un colore, una forma. Proviamo a ridefinire un’identità che non ci è più così chiara, forse inseguiamo un sogno e stiamo lavorando per renderlo vivo. Cerchiamo materiali dalle superfici più naturali o più lucide, luci diverse, una grafica mai vista, parole che ci sembrino vere, mercati e clienti più attenti, strumenti di vendita più efficaci, nuovi packaging, espositori attraenti… Immaginiamo un sacco di cose, facciamo mille progetti e ci spostiamo verso territori sempre più sconosciuti. Ci servono guide, persone con cui confrontarci. Gente matta che ponga domande mai fatte, che dia risposte inattese, a cui chiedere indicazioni sulla strada senza aspettarsi mappe ma sorrisi, idee, mani, silenzi…
Ci guardiamo allo specchio del web e non ci riconosciamo, siamo tutti uguali. Certe volte viene voglia di fare sbagli clamorosi da ritrovarsi in posti sconosciuti, in video girati su un altro pianeta, con la faccia rigata da una linea rossa.
Voglia di un altro Logo
di un suono
e di un colore solo nostri
di un oggetto che ci rappresenti
di una forma riconoscibile
e di un po’ di “etichetta”
di storie da raccontare
e roba da leggere
di un video lungo 10 secondi
di packaging trasparenti
ed espositori di pezza
di spazi vuoti 
di muri bianchi e pavimenti di legno chiaro
di cambiare strada e
di emozionare
di un font magico
di uno stile semplice
di eleganza e calore
voglia di giocare seriamente
e di non misurare tutto prima per poi stare fermi
voglia di regole e di leggerezza…
Per avere un’identità riconoscibile non serve la rivoluzione. Basta fermarsi, togliersi i trucchi, mettersi quello che ci piace, dire quello che pensiamo…
I sogni non esistono, trasformiamo le idee in progetti.

storia 013 dal mondo nuovo – di un elenco di mobili

Impossibile non finire per essere completamente fagocitato da “Il colibrì” neo vincitore dello Strega. L’autore architetto, poi la casa con i mobili dei genitori del protagonista, lui ingegnere, lei architetto con frequentazioni nei mitici Archizoom e Superstudio di Firenze. Prime pagine e di botto, la lettera con l’elenco dei suddetti mobili, nome, autore, data, produttore, stima… Un’esagerazione che neanche da Lanaro in Corso ai bei tempi. Il significato della parola “design” che diamo noi in Italia sta tutto lì, nell’elenco che ne fa Veronesi. Tanto per dire a caso –  Parentesi – Plia – Wassily – Boby – Sacco – Le Bambole – Eclisse – Sciangai – Grillo – Cubo… Tutto il mondo della plastica e dell’acciaio più bello che sia mai stato disegnato. Una casa di borghesi colti, ricchi e di sicuro un po’ snob ma chi se ne frega. Mi guardo attorno e viene su una botta di malinconia. Sommersi dalle brutte copie delle copie di schifezze inventate e prodotte da chissà chi, anche chi ancora crede nel progetto rischia di annegare ma in questo mare di merda non è il caso di giocare a palla e tanto meno di fare il morto. Ridiamo fiato alle idee, alla cultura dei materiali, delle forme, alla composizione dello spazio, alla capacità tutta italiana di mettere insieme produzione artigianale, cultura, comunicazione… È soltanto un bel gioco, conviene a tutti tornare a giocarlo in fretta. 

storia 012 dal mondo nuovo – del packaging notevole

I materiali del packaging sono infiniti, più delle vie del Signore. Sono giorni che giro come una trottola in cerca di un materiale inesistente. Cioè, lui esiste, ma se ne voglio una quantità decente, non da rivestirci il mondo, la devo pagare cinque volte tanto. A voler fare i furbi succede. Facile trovare le solite cose, quelle che si usano tutti i giorni, stessi materiali, stessi colori, stesso tutto. La fregatura è che a usare tutti le stesse cose diventa difficile farsi riconoscere, tutto assume quell’aria già vista un filo deprimente. Allora uno prova a sparigliare le carte come insegnano quelli bravi. Si prende un materiale tipico di un settore e lo si trasferisce in un altro, tipo dalla meccanica alla moda, oppure dal food alla ceramica… improbabili tessuti a fiori che finiscono a rivestire grandi imballi industriali mentre film lucido nero avvolge cosmetici e carte da formaggio diventano shopper alla moda. Tutto già visto, già fatto, tutto inutile e infinitamente caro. Perché non c’è niente di più costoso che usare una tecnologia, un materiale, una finitura nati per una specifica applicazione e volerli applicare a tutte altre cose. Conviene far frullare il cervello e concentrarsi sui dettagli. Inventarsi modi e forme inusuali, nuove superfici, colori, finiture, grafica… Insomma il buon vecchio mestiere. Soprattutto affidarsi a quella santa donna della Grafica! Aiuta più Illustrator che Fedrigoni anche se una carta giusta può cambiare il mondo. Tanti anni fa mi cambiò la vita quell’impasto sintetico decisamente atipico del Tyvek. Quello tornato molto in voga per i dispositivi di protezione individuali. Una superficie anomala che sembra fatta di foglie e legno impastati ed invece a farla semplice è tutta buona plastica. Usarla in un packaging del lusso diede delle soddisfazioni proprio perché non si capiva cos’era. Vabbè Amen! Troverò una nuova pelle d’uovo su cui stampare segni leggeri, font ultralight e colori di cui conosce il nome solo quel furbone di Pantone.

storia 011 dal mondo nuovo – del mondo delle meraviglie

Entra con me nel mondo delle meraviglie e scegli. Portati via quello che ti pare. Ti piace quel logo ultra minimal però con quel segno sbilenco così straniante? Prendilo! Lo sistemiamo un po’? Adesso è ok! È tuo se ti piace. Pensavi alle foto della brochure street style? In bianco e nero contrastato e saturo con un mosso giusto? Identiche a quelle che abbiamo visto insieme l’altro giorno sempre qui nel mondo delle meraviglie. Te le ho mandate, vero? Te ne ho mandate tante e ti piacevano tutte? È così, nel mondo delle meraviglie c’è un sacco di bella roba. Ti piacevano anche le altre? Quelle desaturate, evanescenti che sembravano uscire dalla nebbia? Belle! Con la grafica giusta, belle. Stai pensando che quel logo lì è ancora più forte? Molto meglio di quello minimal di prima? Splendido! Cambia, prendilo. È incredibile la quantità infinita di cose belle, giuste, che funzionano tra cui puoi scegliere. Bellissimo e difficile. Io ti accompagno, ti propongo quello che mi sembra giusto per te, per il tuo pubblico. Cerco di ridurre il numero delle opzioni possibili, perchè poi, purtroppo, nel mondo delle meraviglie, dove in tanti si aggirano abbacinati come bimbi nelle casine delle favole circondati da milla e milla caramelle colorate… di caramelle ce ne serve una sola. Quel logo lì e basta. Un mood, una grafica, una palette di colori, un certo tipo di forme e non altre, un profumo e una sola fantastica magia. Una alla volta! Senza sgraffignare tutto quello che ci viene a tiro. È fantastico! Siamo tutti diversi e nel mondo delle meraviglie ce n’è per tutti. 

storia 010 dal mondo nuovo – click! cambia tutto

Click! Cambia tutto.
Niente a che fare col cliccare, fotografare, battere sulla tastiera, cambiare pagina sul web… quel click lì, quello che cambia tutto, avviene nella nostra testa e il più delle volte non sappiamo perché. Cose banali e di nessuna importanza. Fino a due minuti fa non sopportavo le texture floreali e adesso le metterei dappertutto. Odiavo il beige e ora mi sembra l’unico colore possibile. Click! Poi ci sono i click che cambiano la vita, fanno crollare mondi, click che una mattina fanno lasciare tutto sul tavolo in cucina e ci portano via, che fanno lasciare lavori, paesi, amori…  Click e anche l’immagine della nostra azienda non è più la stessa. Mannaggia! Ci abbiamo lavorato un sacco e adesso ci sembra stantia, vecchia, inutile, molle come gli orologi Dalì. Quand’è successo? Boh! Era tutto perfetto. In realtà i click non esistono. O meglio, ci sono un’infinità di piccoli click impercettibili. Scelte fatte così per fare che tanto non cambia niente. Voglia di una cosa nuova perché non è possibile sia tutto sempre uguale. Cose piccole, basta con quel font, basta con quel black&white che sarà anche forte, elegante, figo ma non se ne può più. Se per una volta ci mettiamo uno sfondo blue classic, che è anche il colore dell’anno, non muore nessuno. Ok, avevamo deciso che la nostra immagine doveva essere artigianal-vintage-chic ma ora sembra tutto così pieno di muffa, una botta modern-glamour-fashion non farà male di sicuro. Click, click, click… gocce che non scalfiscono la roccia, non fanno nulla perché cadono in giro alla cazzo. Eppure un giorno… Click! Cambia tutto. Cambia che non sappiamo più cosa siamo e dove vogliamo andare, cambia che non sappiamo più che faccia abbiamo. Capita! Non è facile tenere la rotta, è un mestiere. Come per andare in montagna quando non si riconosce più il paesaggio e il sentiero comincia a farsi difficile conviene affidarsi a una guida, seguirla, crederci.
Clik, click, click…

storia 009 dal mondo nuovo – del nome delle cose

Il nome delle cose cambia le cose. È un periodo in cui mi tocca pensare al nome di un nuovo tavolino, all’effetto che farà il nome di una borsa ad un certo pubblico anziché ad un altro… Capita, non si sa come, che si sommino nelle stesse giornate ricerche simili, necessità apparentemente uguali. Dare il nome ad un oggetto, a un’azienda, al proprio cane, non parliamo dei figli, è come farli nascere davvero solo allora. Lo dico con cognizione di causa visto che una delle storie epiche che mi hanno sempre raccontato in famiglia riguarda proprio il mio nome. Di come mi dovessi chiamare in un modo deciso da sempre e poi in un battito di ciglia mia madre me ne avesse imposto un altro. Le storie di tutti i nomi si assomigliano. Ore, giorni di brainstorming annullati da uno starnuto. Ricerche di mercato mandate a puttane dal ba-ba di un neonato. Eppure se l’intuizione può essere e spesso è magia, l’attribuzione definitiva deve sottostare a qualche regola. Chiamare Cuggi un nuovo marchio della moda non è scorretto è idiota. Un nome troppo lungo o difficile da pronunciare non sarà un buon viatico per niente e nessuno. Mi fa ancora sorridere ripensare a Troisi cha attribuiva la cattiva educazione dei figli alla lunghezza del nome. Luca! Imperativo. A-les-san-dro… Ciao. Come per mille altre cose quello che vale è il mix giusto di creatività e semplicità. C’è poi la cosa più importante che mette in secondo piano tutto, bello, brutto, lungo, corto, il suono più o meno giusto e tutto il resto. La necessità di una storia. Un nome senza storia nasce sempre monco. Non è necessario portare il nome di un antenato che non tornò dalle crociate. Basterà dare il nome del posto dove è cresciuto l’albero alla marmellata, quello di un sogno ad un figlio. Il nome di un sorriso ad una birra, quello della ricamatrice ad un abito. Chiamare la propria impresa col nome di una bimba incontrata per strada dall’altra parte del mondo e il nuovo divano col nome buffo del vicino di casa. Inizia sempre tutto con una storia da raccontare, il c’era una volta il nome con cui iniziano tutte le storie…

storia 008 dal mondo nuovo – delle 17 regole fondamentali

…la mascherina nera fa design, mi piace. Dovessi fissare la prima regola delle solite diciassette regole fondamentali per creare oggetti fantastici sarebbe – deve essere nero – la seconda potrebbe essere – dagli una superficie lucida – la terza – fallo morbido – e qui comincio a pensare che non arriverò mai a definire 17 regole fondamentali, pazienza. Certo Lui si era limitato a dieci e aveva avuto un’eternità per pensarci. Calma, non sono tipo da scoraggiarsi facilmente. La quarta regola per creare oggetti fantastici è – semplifica tutto – la quinta – usa un solo materiale – che un po’ a pensarci c’era già nel semplifica tutto. La sesta è sempre quella – esagera – che sembrerebbe in contraddizione col – semplifica tutto – in realtà è possibile semplificare tutto in modo esagerato, però è vero, anche complicare. Fare altissimo, lunghissimo e piattissimo e continuare così superlativando. La settima regola è – usa materiali naturali – una regola che mi piace molto anche se mi piace molto anche la plastica, quella bella. L’ottava è – il nostro oggetto fantastico deve costare poco – poi l’idea la puoi vendere al prezzo che vuoi. La nona regola è – deve emozionare – se funziona ma non emoziona non mi piace. Preferisco un oggetto che magari non serve a niente ma emoziona. Decima – deve essere bello – ovvio direte, mica tanto. Undicesima – facciamolo spiritoso, leggero. Quasi tutti i grandi designer sapevano scherzare, metterci un po’ d’ironia. Dodici – progettiamo per l’eternità – altro che ironia e leggerezza. Diamo forma a icone indistruttibili. Tredici – progettiamo oggetti che parlino – da soli non scaleremo mai le SERP di Google ma se le nostre creazioni si raccontassero da sole avremmo qualche chance in più. Quattordicesima mitica regola – mettiamoci una punta di sex appeal – non guasta mai. Quindicesima – facciamola trasformabile – aperta alla creatività di chi ha voglia di cambiarla, di migliorarla. Sedici – diamole un bel nome – breve, forte, lungo, affascinante, una parola che sia bella da ripetere. Diciassettesima e ultima regola – buttiamo via tutto – cambiamo il nostro progetto, abbandoniamo i nostri oggetti senza malinconie. 

storia 007 dal mondo nuovo – della bellezza

“…la bellezza è un diritto! Porca Eva! La bellezza è un diritto!” Cosí Stefano Massini concludeva il suo intervento settimanale in tv a Piazza Pulita ieri sera. Grande Stefano Massini come sempre. Giusto! Salviamo la bellezza, il teatro, la musica, l’architettura, la scultura, la moda, il design, la scrittura, la poesia… Più di un diritto, la bellezza dovrebbe essere un dovere. Dovrebbe essere obbligatorio costruire città belle, oggetti belli, paesaggi belli, abiti belli, edifici belli… Dovremmo essere circondati ovunque da bellezza. Dovremmo provarci almeno. Per farlo dovremmo sapere cos’è la bellezza, educare alla bellezza. Per creare bellezza ci vuole talento e educazione. Ci vuole orecchio, ci vuole occhio, mano, istinto, cultura. Bisogna  avere il coraggio di negare l’asserzione idiota che “…non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace.” Ciò che piace a chi?! La bellezza è fatta di regole e di trasgressioni. Di persone che per doti e cultura sanno maneggiare suoni, forme, spazi, luci, materiali, colori, parole… Tutto questo ha poco a che fare con l’arte. L’arte è spesso trasgressione dura, appropriazione e decontestualizzazione della bruttezza, l’arte è capace di rendere bella la bruttezza. L’arte però è una piccolissima parte del nostro quotidiano. L’enormitá della bruttezza è tutto quello che ci circonda in ogni momento. Sono le case, le strade, le città e tutta la paccottiglia che incontriamo ovunque. La bruttezza è la banalità del linguaggio. L’incuria con cui distruggiamo il passato e la faccia tosta con cui fingiamo di proteggerlo.
La bellezza è davvero una delle cose più importanti che dovremmo avere. Dove c’è bellezza c’è giustizia, c’è salute, forse c’è anche un po’ di felicità. 

Portfolio