TUTTO o NIENTE, il lusso è sempre esagerato

TUTTO-o-NIENTE__1000_

 

Il lusso non è mai una minestra tiepida.
Il lusso è sempre esagerato.
È TUTTO o NIENTE.
Quadri immensi in enormi stanze vuote.
Doppie pagine bianche su Vogue.
Poltrone d’oro in file da mille.
Silenzi.
Processioni colorate.
Intrecci di lana, fili d’acciaio e diamanti.
Tavoli per dodici sottili come fogli di carta.
Catene pesanti e lucide.
Texture di vetri incisi da simboli ancestrali.
Urla nere nel nulla.
Cappotti leggeri come respiri.
T–shirt incrostate di fantasia.
Sedie ancora più superleggere.
Finte scomode red and blue.
Zig zag.
Infinite linee diritte.
Inutili orologi invisibili.
Giacche decorate dalle insegne di tutti i padri della terra.
Yin e yang.
Tuniche tessute da luci riflesse.
Nudità apparenti.
Cataloghi di ossimori infinitamente vuoti.
Semplicità ostentate.
Complicatissime mura bianche.
Tinte piatte a metri senza un poro, una fessa, un cavillo.
Fili ritorti in volute elastiche.
Metalli tessuti.
Simboli vuoti senza prezzo.
Corse in montagna il martedì pomeriggio.

Respirare.