25_storie_storie-018_imperfezioni-emozioni__1-1

storia 018 dal mondo nuovo – imperfezioni, emozioni 

Provo a mettere insieme tutte le imperfezioni che mi piacciono e vengono cose bellissime. L’asimmetria cercata, conquistata a fatica dopo anni persi a rincorrere simmetrie, facili, cretine nelle loro inutili fissità. Se penso quanto tempo ci ho messo a guarire da questa assurda malattia infantile. Uno spreco infinito di tempo perso in cerca di sicurezze inutili, ignorando fascinosi percorsi creativi. Fotografie in cerca di occhi così leggermente diversi, inclinazioni minime, labbra da piccole fessure, nasi capaci di segnare la mente, timbri di voce in bilico tra profumo di vento e rumore di neve. In cerca di gesti inaspettati sullo sfondo di chiese buie.
Che cazzata la perfezione!
Che stupida inutile scemenza! La voglia di superfici lucide, di spigoli affilati, di bianchi assoluti, di curve automatiche, di pose zuccherose e parole melliflue. Cerco la verità ruvida di segni che emozionino. Gioielli grandi che lascino ombre sulla pelle nuda. Sedie fatte da un segno solo. Piatti tutti diversi e magicamente uguali. Texture con cui rivestire gambe lunghissime in soffi di voile e morbide poltrone dalle superfici calde. Cerco parole dimenticate nelle fessure inesplorate di vocabolari ingialliti. Parole evanescenti, azzurropolvere… Template di siti internet talmente responsive da mostrare solo pagine bianche su cui stendere una assordante typography nera. Voglia di video in pianosequenza infiniti, camminate, sguardi, risate, gesti, lentezza e velocità, nudità e buio. Voglia di schegge. Di corse in macchina lontano, di quadri e sculture enormi, di foto di mani lunghe e imperfette da poker. Di imperfezioni sdrucite, di font mangiati dalle unghie, di scatti analogici da vecchia Contax tra le lame di luce che piovono dal soffitto di un magazzino liberty, dalle volute e dagli occhi ovali di una chiesa barocca. Impaginati pensati per carte da panettiere e formati giganti da portarsi via. Imperfezioni, attrazioni totali, progetti definitivi, emozioni…