storie-012-packaging-notevole-1-1

storia 012 dal mondo nuovo – del packaging notevole

I materiali del packaging sono infiniti, più delle vie del Signore. Sono giorni che giro come una trottola in cerca di un materiale inesistente. Cioè, lui esiste, ma se ne voglio una quantità decente, non da rivestirci il mondo, la devo pagare cinque volte tanto. A voler fare i furbi succede. Facile trovare le solite cose, quelle che si usano tutti i giorni, stessi materiali, stessi colori, stesso tutto. La fregatura è che a usare tutti le stesse cose diventa difficile farsi riconoscere, tutto assume quell’aria già vista un filo deprimente. Allora uno prova a sparigliare le carte come insegnano quelli bravi. Si prende un materiale tipico di un settore e lo si trasferisce in un altro, tipo dalla meccanica alla moda, oppure dal food alla ceramica… improbabili tessuti a fiori che finiscono a rivestire grandi imballi industriali mentre film lucido nero avvolge cosmetici e carte da formaggio diventano shopper alla moda. Tutto già visto, già fatto, tutto inutile e infinitamente caro. Perché non c’è niente di più costoso che usare una tecnologia, un materiale, una finitura nati per una specifica applicazione e volerli applicare a tutte altre cose. Conviene far frullare il cervello e concentrarsi sui dettagli. Inventarsi modi e forme inusuali, nuove superfici, colori, finiture, grafica… Insomma il buon vecchio mestiere. Soprattutto affidarsi a quella santa donna della Grafica! Aiuta più Illustrator che Fedrigoni anche se una carta giusta può cambiare il mondo. Tanti anni fa mi cambiò la vita quell’impasto sintetico decisamente atipico del Tyvek. Quello tornato molto in voga per i dispositivi di protezione individuali. Una superficie anomala che sembra fatta di foglie e legno impastati ed invece a farla semplice è tutta buona plastica. Usarla in un packaging del lusso diede delle soddisfazioni proprio perché non si capiva cos’era. Vabbè Amen! Troverò una nuova pelle d’uovo su cui stampare segni leggeri, font ultralight e colori di cui conosce il nome solo quel furbone di Pantone.