SEMPLIFICARE

SEMPLIFICARE_

 

Semplificare, semplificare, semplificare…

Dovessi scegliere uno slogan sarebbe questo. Scrivo, rileggo tre righe di una didascalia, un commento su Facebook, una relazione, un preventivo, una email…

C’é sempre una parola da togliere, una perifrasi inutile, una similitudine che di sicuro non interessa a nessuno, qualche gioco di parole saccente. Per una scemenza che riesco a togliere ne lascio a centinaia. Me ne accorgo quando non serve più. Se disegno un oggetto, impagino un depliant, creo il logo di un’azienda, immagino il packaging di un pezzo di formaggio, di un set di posate o di un foulard… La voglia di togliere, di semplificare certe volte arriva quasi a paralizzarmi. Una pagina vuota, un muro bianco, un segno rosso o una scritta nera… quasi sempre bastano. Bello! Ma il più delle volte non si può fare. Troppo forte, eccessivo, strano, fuori target, qualche volta manca il coraggio al cliente. Qualche volta freno io perché l’anima dell’azienda é un’altra cosa. Poi scelgo la decorazione e non sento la contraddizione! Una bella texture vale quanto la perfezione di un muro bianco.

Basta semplificare!
Non è semplice, non è banale, bisogna saper togliere e lasciare solo quello che è essenziale.
Bisogna scegliere e rinunciare a infilare in ogni cosa tutto quello che ci piace.
In un mercato, dove ovunque c’è sovrabbondanza di parole, di forme, di colori, di suoni, di immagini, un’affollamento soffocante di tutto, non ci resta che semplificare, rarefare.
Lasciamo spazio intorno alle nostre cose. Siano una sedia, un pacco di pasta, una bottiglia di vino, un libro, una collana, una crema, una borsa… facciamo posto, lasciamo che si vedano.
Comunichiamo i nostri prodotti in modo semplice ed efficace.