perdersi in autogrill

perdersi-in-autogrill

 

Mi capita di perdermi negli autogrill, nei supermercati e trovare tutto.
L’Ipermercato dove faccio la spesa una volta la settimana è una specie di lunapark e allo stesso tempo è una scuola, una galleria d’arte, una rassegna del meglio e del peggio della grafica popolare. Mi capita di dimenticare il carrello ai surgelati e perdermi a rincorrere il disegno di etichette strane nel corridoio delle birre o vagare ipnotizzato tra flaconi di shampoo dai colori psichedelici
Certo se uno vuole fare ricerca il web offre di più. Pinterest è una distesa infinita di immagini segnata da sentieri che si srotolano in boschi magici. Però su Pinterest le cose non le posso toccare, non posso rigirarmele tra le mani. Al supermercato, all’autogrill posso guardare il riflesso di un’etichetta lucida o la polvere appiccicata alla carta goffrata di un’altra. Posso guardare una scansia lunga venti metri e alta due e accorgermi che non c’è una sola bottiglia di vino che mi colpisca particolarmente.  Socchiudo gli occhi e quelle con grandi campiture bianche risaltano un po’ di più. Quelle bianche e arancione con le scritte nere sottili in Garamond…  Penso che forse il bianco e i monocromi accesi su carta patinata con una grafica essenziale sotto questa luce da schifo funzionano meglio. Nonostante tutto amo i supermercati, gli autogrill, le stazioni con i mega wall lunghi venti metri. Posti dove si incontra un’umanità grigia che posso dipingere come voglio e infilare nelle mie storie con le confezioni giganti di caramelle o le maxi stecche di toblerone.

Guardare etichette, packaging, tanti pezzi del mio lavoro esposti al pubblico mi fa capire cosa funziona e cosa no. È importante osservare l’effetto finale, sia sotto le luci oscene di un grande supermercato che nell’atmosfera magica di una gioielleria del centro. Il confronto con il lavoro degli altri è importante.

Poi nel mio Ipermercato dovrebbero finirla di spostare tutto in continuazione che non sono qui solo per fare un tour di aggiornamento e l’Aperol non si trova mai!